ZAPPING/ Su Facebook la settimana dei cartoni animati

Se aprendo la pagina di Facebook avete scoperto che i vostri migliori amici hanno cambiato l’immagine del proprio profilo con quella di Gatto Silvestro, Titti, Pollon e Capitan Harlock state tranquilli. È solo l’effetto di un passaparola che ha contagiato migliaia di utenti nel giro di poche ore. Da quando cioè un utente cagliaritano ha lanciato questa iniziativa:

Per la “Giornata internazionale per l’Infanzia” del 20 novembre cambia la foto del tuo profilo di Facebook con quella di un eroe dei cartoni animati della tua infanzia e invita i tuoi amici a fare lo stesso…lo scopo? Per diversi giorni non vedremo una sola faccia “vera” su Facebook ma un’invasione di ricordi d’infanzia.

Non starò qui a parlarvi della finalità dell’iniziativa né mi interessa aprire un capitolo su quelli che Carlo Conti definirebbe I migliori anni della nostra vita, quelli in cui c’erano quei bei cartoni animati che oggi non ci sono più. Mi preme però sottolineare un altro aspetto: e cioè il potenziale virale di un mezzo come Facebook.

Quello che è successo ai profili degli utenti italiani ci dimostra che un sassolino lanciato nello stagno del più importante spazio social può diventare un’onda inarrestabile nel giro di poche ore. Più di 80mila le persone che finora hanno aderito ufficialmente all’iniziativa, ma il numero di chi ha “cartoonizzato” il proprio avatar è ben più alto.

Così se siete fra quelli che si chiedono per quale motivo si parla tanto di Facebook e perché c’è chi crede che the social network possa fagocitare tutti gli altri strumenti di comunicazione (email compresa), ecco, pensate ai cartoni animati di questi giorni. E al fatto che non esiste altro mezzo sul Web in grado di diffondere un messaggio così rapidamente. Oggi è successo coi cartoons, domani sarà la volta di un’immagine commemorativa, di una petizione piuttosto che di uno spot virale.

Roberto Catania – panorama.it

  • i sapori
  • gambino ass