ZAPPING/ Le canzoni della salute: «Bene la Gaynor e i Pink Floyd»

C’è anche una “classifica negativa”: evitare Cigarettes and Alcohol degli Oasis e Everybody Hurts dei Rem.

Pink Floyd

La canzone giusta al momento giusto. Al mattino, i gorgheggi alla Gloria Gaynor sulle note di “I Will Survive” potrebbero davvero fare bene alla salute. In alternativa, vanno bene anche i Pink Floyd. Lo sostiene uno studio della Caledonian University di Glasgow che ha lanciato un progetto triennale di musicoterapia per selezionare i brani musicali che fanno bene alla salute, da adoperare per i pazienti affetti da disturbi dell’umore e depressione. Accanto a Gaynor, promossi anche Louis Armstrong che canta What a Wonderful World e Comfortably Numb dei Pink Floyd. «L’impatto di un brano musicale su una persona – spiega il coordinatore del progetto Don Knox – va oltre quello che si pensa, tanto che un tempo veloce può risollevare l’umore mentre uno lento buttarlo giù». E così, il progetto, che è finanziato dall’Engineering and Physical Sciences Research Council, vaglierà melodie, toni e strutture di migliaia di pezzi, alla ricerca del mix di note più salutare, scartando quelle che “nuociono gravemente alla salute”.

STARE ALLA LARGA DA OASIS E REM – Una prima classifica “negativa” già esiste. Se si ha qualche acciacco, suggeriscono i ricercatori, meglio evitare Cigarettes and Alcohol degli Oasis o Everybody Hurts dei Rem. Anche i titoli possono destare sospetti e, quindi, meglio tenersi lontani da Cardiac Arrest dei Madness.

corriere.it

Il video di uno dei più grandi successi del gruppo

  • i sapori
  • gambino ass