“VENERDI’ SANTO 2020”: poesia di Baldo Gurreri

VENERDI’ SANTO 2020
E’ la prima vota nni la me vita
Ca lu Signuri nun veni misu ‘n cruci
Mi pari ‘na strana cosa mai sintuta
Ca nni fa sentiri chiù tristi e ‘nfilici!

Passanu li iorna e passanu li misi
Stannu tutti ‘nchiusi ni li casi
Ma tu Signuri la vidi ‘sta pinitenza
Di chiddru chi passamu hai canuscenza.

E ‘ntantu ca s’addrviglia la Natura
Fanni rinasciri senza paura
Semu pigliati tutti di scantu
Prigamu a Tia e Lu Patraternu.

Semu sempri misiri murtali
Fatti cu ‘na testa usata mali!
Ma si pi natri c’è ancora spranza
Levanni ‘stu pisu di sta valanza!

Traduzione
E’ la prima volta nella mia vita
Che Gesù non viene messo in croce
Mi sembra una cosa strana, mai sentita
Che ci fa sentire più tristi e infelici.
Passano i giorni e passano i mesi
Stando tutti chiusi in casa
Ma Tu vedi questa penitenza
Conosci quello che soffriamo
Siamo presi tutti di spavento
Preghiamo Te e il Padreterno
E intano che si sveglia la natura
Facci rinascere senza paura
Siamo solo dei miseri mortali
Fatti di un senno usato male
Ma se per noi c’è ancora speranza
Togli questo peso dalla nostra bilancia!