Un Vento gelido – Poesia di Provvy D’Agostino

Un vento gelido trafigge
le mie ossa, e mi
accorgo che non ci sei.
Urlo, grido, piango,
ma le mie note
si perdono nel nulla.
Salvami, grido.
Ma non senti, non vedi.
Troppo gelido il cuore
degli uomini che non hanno
fatto esperienza d’amore.
In deserti vanno. Per vie buie
e solitarie, mentre tutto
il mondo ride, scherza
e si prende gioco di me, di noi.
Le anime, che colme di puri,
e folli sentimenti, aspettano,
che il mondo si ridesti, e si accorga
che non esiste il solo “IO”,
esiste anche un “NOI”, ed è
quello che ci regalerebbe
la felicità. Non esiste la felicità
se non quando è condivisa.
E’ un dono, che si annulla, muore,
se la si pone dentro ad una gabbia,
anche se questa fosse d’oro.