“Terra di nessuno” – Poesia di Bagur

TERRA DI NESSUNO

Piccola figlia di tanta Madre,
bella e ammirata,
nata sul mare, tu sulle pietre,
che ancora piangono
la tua sorte ingrata.
Mentre ancora perdura
L’eco di tanta bellezza,
Tu, povera figlia, piangi,
vestita di tristezza…
strade deserte, strade silenziose.
Ognun di te fa ciò che vuole:
“Cattolica Risorge”, “Cattolica Rinasce!..”
Vuote parole, messe sotto le suole.
Tutti ti sposano con tanto amore,
poi ti lasciano con un grande dono
sola piangente in mezzo all’abbandono!

bagur

  • i sapori
  • gambino ass