“SOTTO IL CIELO DI KIEV”: poesia di Angelo Guaragna

Sotto il cielo di Kiev si spara e si muore
si piange, si soffre e si spera,
colonne di fumo e fragore,
chi scappa e chi rimane in preghiera.

Ancora più sotto del cielo
migliaia di sguardi atterriti,
e come nascosti da un velo
sorrisi ed occhioni spariti.

Oggi, siamo tutti Ucraini,
rifiutiamo qualsiasi violenza,
io vorrei essere là coi bambini
e abbracciare la loro innocenza,

vorrei essere là con un fiore
per lanciarlo in quel cielo annerito,
con poesie e canzoni d’amore
da cantare a qualsiasi soldato.

Il Mondo non merita questo
la Guerra nessuno la vuole,
che nel cielo di Kiev al più presto
si veda risplendere il Sole!

(a.g. 2022)