‘Sogno di un giorno di mezza estate’ tra Eraclea e Pirandello

Turiste casa di Pirandello

Approda nell’Agrigentino l’Accademia Nazionale della Politica con la settima edizione de“I luoghi dell’anima”, un progetto di promozione culturale del territorio che ha come scopo la riscoperta della Sicilia, sotto il profilo storico, culturale ed enogastronomico.

Un nutrito gruppo di studiosi, professionisti e appassionati dell’accademia, il 18 e 19 settembre, sarà in visita a Porto Empedocle, nella casa natale di Luigi Pirandello e nella zona archeologica di Eraclea Minoa in tour di studi e ricerche chiamato “Sogno di un giorno di mezza estate”.

L’Accademia Nazionale della Politica, presieduta dall’ex deputato ragionale Bartolomeo Sammartino, “è un Istituto di Cultura riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali divenuto contenitore e fonte di nuove idee, le cui attività si trasformano in proposte con lo scopo di migliorare, oltre che gli stessi partecipanti al corso, la società in cui viviamo”.

“L’Accademia Nazionale della Politica – ha detto Sammartino – è nata per colmare l’assenza di dibattito, formazione, ricerca e studio intorno ai temi della politica e ai rapporti tra questa e l’etica, la cultura, l’arte, la storia l’economia, la giustizia, l’ambiente, la religione. Da più di un decennio, le iniziative dell’Accademia rappresentano uno strumento fondamentale per l’alta formazione delle giovani generazioni e soprattutto continuano a garantire uno spazio di libertà e profondità, sempre più raro nel confronto delle idee e nella conoscenza della storia e delle tradizioni dei popoli euro mediterranei”
“Parlare de I Luoghi dell’Anima, anche quest’anno e per la settima edizione, significa soprattutto affrontare il tema del viaggio e di tutto ciò che esso rappresenta nella nostra vita. Seppure per brevi periodi e per destinazioni non tanto lontane, ci piace sottolineare il fascino di un’umanità in cammino, alla scoperta di ciò che dà senso al rapporto con sé stessi, con gli altri e con l’ambiente che ci circonda. Il viaggio come atto d’amore nei confronti della propria storia, come itinerario culturale e spirituale che conduce ai luoghi in cui l’anima ritorna a sorridere e a farsi sorprendere dalla bellezza che lega intimamente Dio all’uomo e alla natura.I nostri Luoghi dell’Anima, come espressione della nostra identità, poggiano su una formula semplice, essenziale, ormai collaudata, fatta di combinazioni armoniche: ricerca e studio, umanità e cultura, servizio e accoglienza, semplicità e delicatezza. Certo è che chi partecipa, sperimenta una grande serenità e dolcezza. È un dono della Conoscenza”.

  • i sapori
  • gambino ass