SICILIA SICILIA… poesia di Gianni Farruggio

 

Matri di me matri e di me patri,

di li ricchi e di li puureddi.

Sicilia ranni, Sicilia maistusa
china d’amuri, magnianima e fucusa;

ccu li to valli assulati e surridenti,
tu duni pani; a tanta brava genti.

Omini forti, sinceri e valurusi;
Omini nobili du travagghiu rispittusi.

Lo to ciauru si senti di luntanu,
e di luntanu s’apprizza lo to vinu.

Lu mari ca t’abbrazza è riccu e funnu,
‘nvidiatu veramenti di lu munnu.

Partii luntanu, cummannatu di la sorti,
ma ‘nto me cori lu desideriu è forti.

Passari ‘nzoccu arresta da me vita,
‘nta li vrazza… Sicilia mia… Sicilia amata!

Gianni farruggio

  • i sapori
  • gambino ass