Scarcerato giovane rumeno accusato di furto

E’ stato scarcerato ieri dal Tribunale del Riesame di Palermo, per mancanza di gravi indizi di colpevolezza, Marius Marin, disoccupato rumeno di 23 anni domiciliato a Cattolica Eraclea finito in manette con l’accusa di tentato furto nella villa dell’avvocato Ignazio Amato a Eraclea Minoa.

Marius Marin era stato arrestato nella sua abitazione a Cattolica Eraclea intorno alle ore 4,30 della mattina del 16 ottobre scorso dai carabinieri guidati dal maresciallo Liborio Riggi. Il giovane romeno è accusato di avere partecipato ad un tentativo di furto avvenuto dopo le ore 2,30 sempre del 16 ottobre scorso. I carabinieri intervennero dopo la segnalazione di un metronotte lungo la strada provinciale che da Cattolica Eraclea porta a Eraclea Minoa, il metronotte aveva visto un’auto sospetta che andava in direzione di Eraclea Minoa. I carabinieri hanno colto i ladri in flagranza – pare fossero quattro – ma alla vista dei militari si sono dati alla fuga nel bosco facendo perdere le loro tracce. All’alba, come detto, l’arresto di Marius Marin processato l’indomani col giudizio direttissimo. Il Tribunale di Agrigento aveva convalidato l’arresto prima ed emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere poi. Il giovane romeno ha respinto le accuse dichiarandosi estraneo ai fatti e ha detto al giudice di avere trascorso tutta la notte a casa con la sua ragazza.

A seguito di ricorso, presentato dagli avvocati Valeria e Ignazio Martorana, il Tribunale del Riesame di Palermo, dove sono stati prodotti numerosi atti a discolpa, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare e ha rimesso in libertà Marin Marius. Il processo per direttissima è stato rinviato al 17 novembre per sentire altri testimoni.

  • i sapori
  • gambino ass