Sacro e Profano, il nuovo libro del poeta cattolicese Giuseppe Pennino

editore: Centro Studi Tindari Patti

Il libro è una raccolta di poesie alcune scritte in dialetto siciliano ricca di Sentimento, di Amore e di Fede… “che fa dell’opera un Inno alla Vita che oggi, nelle difficoltà in cui ci troviamo, ci danno una testimonianza importante per non lasciarsi vincere dall’indifferenza, dall’apatia, o peggio ancora dalla rassegnazione. Sono poesie molto ritmiche, dense di pathos, musicalità, sentimento, classicità.

Dalle poesie emergono i Veri Valori umani, non caduchi, ma perenni, che possono essere efficaci per l’educazione e la crescita dei giovani che spesso si smarriscono e vanno alla ricerca di beni di apparente felicità: la Fede nelle Verità immortali, l’Amore verso i propri Familiari che si estende poi a tutta l’umanità. l’Amore fraterno che diventa aspirazione alla fratellanza e alla solidarietà umana, l’Amore che annulla le barriere fra tutti i popoli, qualunque sia la storia, le tradizioni, il colore della pelle.

In questa raccolta vi sono alcune poesie che veramente colpiscono per sentimento, per bellezza e per virtuosismo stilistico; poesie ricercate ma di facile lettura, quali “Paese mio natìo”, “Mia Salvezza” e “Figlio mio”. In questa opera vi è anche un forte richiamo alle coscienze al fine di poter capire ed apprezzare la VITA, dal suo concepimento alla sua fine, dandole il giusto Valore; un profondo Amore per il Paese natale, per l’Italia e per l’Europa.”Sacro e profano” è perciò una raccolta di poesie, un’opera capace di far emergere dal nostro cuore, dal nostro animo sentimenti mai dimenticati, non morti, ma sopiti, che aspettano quel soffio vitale di una lettura attenta per riprendere il lorocammino dando serenità e pace al nostro “Io”.

Note biografiche dell’autore:

Giuseppe Pennino è nato a Cattolica Eraclea (AG) nel 1940. Dopo aver conseguito la Maturità Classica, a venti anni si trasferisce definitivamente in Milano, ove ha svolto la sua attività lavorativa con successo. Attualmente vive a Desio (MB) con la Famiglia.
Da sempre amante della lettura di tipo avventuroso e cavalleresco. Viene, però, attratto dalla poesia ed infatti nel 1991 pubblica il suo primo libro Dolcezze, in fondo, di un tempo passato; poi nel 1995, un altro volume sempre di poesie Sentimenti e Amore; nel 1996 pubblica una commedia scritta nel 1958 Amor di Patria con un terzo libretto di poesie Dediche in Acrostico; infine nel 2002 un quarto volume di liriche Dal cuore alla penna. Ha in cantiere diverse poesie per altri libri e due romanzi.
Fa parte dell’ A.N.P.A.I. (Associazione Nazionale Poeti, Autori e Artisti d’Italia) di Santa Margherita Ligure (GE) e dell’ U.A.O.C. (Unione Artisti Operatori Culturali) di Marigliano (NA); è Accademico “honoris causa” della Libera Accademia Universitaria Popolare “Velardiniello” di Napoli, “Cavaliere per la Poesia e l’ Arte Anno 2000”, titolo conferitogli all’unanimità dal Consiglio Direttivo del Premio Internazionale di Poesia l’Associazione Culturale “Lago Verde” di Roma ed Accademico dell’Accademia Internazionale “Il Convivio”, nomina conferitagli dal Presidente in rappresentanza del Comitato Direttivo, nel 2004.
Numerosissime sono le sue composizioni presenti in Antologie e numerosi sono i Premi Letterari nazionali ed internazionali ai quali ha partecipato ricevendo: trofei, coppe, targhe, medaglie, attestati, pergamene e varie onorificenze e menzioni.

  • i sapori
  • gambino ass