Riserva naturale “Foce del fiume Platani”

 p054_1_07La riserva Naturale orientata “foce del Fiume Platani” ha una estensione di 206,88 e ricade nei comuni di Ribera e Cattolica Eraclea. La riserva è stata istituita per tutelare l’ecosistema costiero e le numerose specie di uccelli migratori.
La foce del fiume Platani è un luogo di incantevole bellezza naturalistica su cui domina la falesia di Capo Bianco. Quest’area rappresenta il primo approdo per molti uccelli migratori provenienti dall’Africa e, grazie alla diversificazione degli ambienti, offre rifugio ad una flora rigogliosa e variegata, quindi ad un’avifauna ricca e composita. La riserva comprende la parte finale del Platani (che poco prima di riversarsi in mare forma un’ampia ansa) e il lungo tratto sabbioso di Borgo Bonsignore, che è costeggiato da un cordone di dune basse.
Numerose specie di uccelli migratori si poseno nei periodi di passo lungo le rive della foce. Tra queste specie l’Airone cinerino, il cavaliere d’Italia, l’Avocetta, il Fratino, il Falco di Plaude. Anche il falco Pellegrino nidifica in zone prossime alla foce del platani.
Il giglio marino è uno dei rappresentanti più belli e vistosi della vegetazione delle dune, nel retroduna possiamo ammirare: la Tamarix Gallica e la rara retama, una ginestra giunchiforme dai fiori bianchi e profumatissimi. Verso l’interno un vecchio impianto boschivo di Eucalipti, Acacie, Miopori e specie arbustive spontanee di Lentisco e Asparago pungente.
Per arrivarci seguire la SS 115 Sciacca – Agrigento e superato Borgo Bonsignore si svolta in direzione di Eraclea Minoa, proseguendo fino al parcheggio dell’area archeologica. Da qui bisogna seguire una pista che si mantiene sul bordo della falesia di Capo Bianco. Si prosegue per un piccolo sentiero che scende verso la spiaggia fino a raggiungere la foce del Platani e l’impianto boschivo di Borgo Bonsignore.

  • i sapori
  • gambino ass