RISCONTRATO CASO DI COVID-19 A SICULIANA

Dalla pagina Facebook del sindaco di Siculiana Leonardo Lauricella

Cari concittadini, sono qui per darvi una notizia che mai avrei pensato di dovervi comunicare.
Dopo i casi di contagio verificatisi anche in diversi Comuni a noi vicini, oggi è la nostra comunità ad esserne interessata.
Dalle autorità competenti, infatti, mi è stata comunicata la presenza di un soggetto positivo al coronavirus nel nostro Comune.

Si tratta di un anziano ultranovantenne ospitato presso la casa di riposo per anziani di Siculiana che in data 20 marzo è stato ricoverato presso l’ospedale di agrigento e sottoposto a tampone faringeo che ha dato esito positivo.

Al momento il predetto anziano è stato trasferito presso la struttura ospedaliera di Marsala dove si attendono gli esiti di un secondo tampone

Mi preme chiarire ruolo, compiti e modalità in cui il sottoscritto, unitamente alla squadra che sta gestendo l’importante emergenza, sta operando.
Il Sindaco, come responsabile della salute pubblica del Comune, ha il dovere di fornire notizie certe ed ufficiali comunicate, come da protocollo, attraverso l’Asp di Agrigento e la Prefettura.


Le Autorità Sanitarie competenti hanno già attivato tutti i protocolli medici e le procedure utili alla tutela della persona, dei suoi familiari e di chi potrebbe aver avuto contatti con la stessa.

Per quanto ci riguarda, vi informo che dai primi di Marzo è stata istituita l’Unità di Crisi comunale che si sta occupando di gestire l’emergenza, rendere pubbliche le misure previste dai vari decreti e verificare attraverso il controllo della Polizia Locale, unitamente alle forze di Polizia, il rispetto delle misure.


La situazione è chiaramente difficile, ma i dati regionali e provinciali degli ultimi giorni, se pur in crescita, stanno certificando che con l’impegno di ognuno di noi in Sicilia la diffusione del virus sta procedendo in maniera più limitata rispetto alle regioni del Nord Italia.

Questo caso positivo, non deve allarmarci più del dovuto, era una possibilità molto vicina a noi e oggi ne abbiamo avuto le prove. Ora più che mai dobbiamo avere quindi un atteggiamento lucido e responsabile.
Questo caso deve farci riflettere e spingerci ad un maggiore impegno nell’applicazione delle basilari, ma importanti, norme-igienico sanitarie e nella limitazione degli spostamenti da casa.

Nulla è cambiato rispetto a ieri, ripeto:nulla è cambiato!
La situazione è evidentemente critica da giorni, ma oggi rimanere a casa diventa ancor più un obbligo morale e civile cui ognuno di noi si deve attenere, senza discussioni, filosofie e scuse.
Siamo chiamati tutti allo stesso modo al dovere di tutelare la nostra salute e quella delle persone a noi vicine.

Il nuovo provvedimento del Ministero della Salute parla chiaro
E’ fatto quindi DIVIETO a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui ATTUALMENTE si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

Non ci possono essere dubbi sull’interpretazione di queste tre opzioni, è scritto in lingua italiana chiara è comprensibile.

Il lavoro è il LAVORO. Le urgenze sono le URGENZE e la salute è la SALUTE.

Nessuna stravaganza, vi prego, e niente domande inutili.

Per gli spostamenti non previsti dal nuovo Decreto, nell’ipotesi di spostamenti fuori dal comune di Siculiana, vi assumerete voi la responsabilità sottoscrivendo la vostra autocertificazione.
Saranno le autorità competenti a valutare se vi siete spostati da Siculina per una causa motivata o se vi siete spostati per qualcosa che avreste potuto fare e risolvere anche nel vostro Comune.

Deve entrarvi ben chiaro nella mente un concetto semplicissimo, non c’è priorità più grande della vita umana, della vostra, di quella dei vostri familiari, di tutti noi cittadini siculianesi e di quelli dell’intero pianeta.

Tutto il resto oggi diventa secondario. Non mettetemi in difficoltà con domande inopportune, il decreto parla chiaro. Oggi abbiamo il dovere di agire in un unica direzione: tutelarci l’un con l’altro, riducendo gli spostamenti.

Fatelo per voi, per i vostri figli, per i vostri genitori.

Nessuna “spirtizza” o libera interpretazione della norma sarà tollerata. Chi non rispetta le regole sarà punito con pensanti misure di carattere penale che potranno arrivare anche alla reclusione.

Lo ripeto nuovamente, la legge parla chiaro, non si esce dal territorio comunale per BANALITA’, per cose che non sono URGENTI, per cose la cui soluzione può essere ricercata in AMBITO COMUNALE.

Chiedo ad ognuno di voi di agire nella consapevolezza che stiamo attraversando un momento molto delicato e vi chiedo di farlo senza SUPERFICIALITA’, ma neppure troppo ALLARMISMO, cosa che potrebbe rischiare di diventare controproducente.

Vi raccomando, adottate ogni comportamento necessario e responsabile per la tutela della salute, seguite in maniera seria, senza se e senza ma, le direttive impartite a tutela del vostro bene e per l’intera comunità.

Infine, invio un augurio di una pronta guarigione all’anziano e, come primo cittadino di questa comunità, desidero esprimere a tutti voi la mia completa vicinanza, disponibilità e solidarietà.

L’Ente Comune vi sarà vicino per la gestione di qualsiasi difficoltà. Siamo presenti e affronteremo tutto grazie anche al sostegno della grande rete di solidarietà e volontariato che continua a crescere ogni giorno, nella certezza che insieme, sostenendoci l’un l’altro, riusciremo a superare questo momento critico.

Ora più che mai siamo tutti chiamati ad essere uniti nell’affrontare questa emergenza con la responsabilità che ci viene chiesta.
L’obiettivo di noi tutti deve essere quello di impegnarci per ritornare alla nostra quotidiana normalità, riconoscendoci migliori come persone e più forti come comunità.

Vi ringrazio per il sostegno, la vicinanza e collaborazione e mi raccomando RESTIAMO A CASA!

Ci aggiorniamo a più tardi con nuove ed eventuali comunicazioni.

Il Sindaco

Dott. Leonardo Lauricella

  • i sapori
  • gambino ass