Poeti popolari di Cattolica Eraclea: Francesco Campisi

FRANCESCO CAMPISI è nato a Cattolica Eraclea il 7 agosto 1927, da una famiglia di agricoltori. Il padre Antonino, gran lavoratore, volle, con grandi sacrifici, che il figlio proseguisse gli studi fino al conseguimento del diploma magistrale. Dalle sue poesie scaturisce un profondo sentimento d’amore verso la campagna, la natura, la tradizione e la vita semplice del paese natio.
Una testimonianza sull’evoluzione e il progresso del nostro paese ci è data dalla poesia Progressu paisanu, in cui il poeta ha descritto il cambiamento verificatosi a Cattolica negli anni sessanta, rievocando con nostalgia la vita di una volta:

PROGESSU PAISANU
Comu canciasti, paiseddru miu!
Quarcunu ti talia di malocchiu,
cu lu curaggiu chi ti detti Diu
‘a testa cchiù nun mangia lu pidocchiu.
E mi ricordu quannu picciliddru,
linchivanu li strati li gaddrini,
li cani e li gatti ed a chistu e a chiddru
li crapi cci durmivanu vicini
facennu cumpagnia a lu patruni,
ca ‘nti la stessa casa sbadigliava
e senza forza sutta lu siddruni
lu sceccu ‘nti la staddra c’arragliava..
Li garrubbeddri siddru avia denti
mangiava travagliannu, o passuluna
di ficu sicchi o pani senza nenti
o cu ‘na cosca viordi di carduna.
Pigliava lu pitittu a pugna a pugna
e pi li strati e intra li vaneddri
lu cani si liccava li so ugna,
li muschi si mangiavanu la peddri!
Lu viddraneddru iva arripizzatu
a fari cciapparruna, a fari disi,
pi stari ‘nti la casa accaluratu
e pi pagari di lu jornu i spisi!
Comu canciasti! Nun si cchiù paisi!
Canciasti la to facci d’affamata
e di giacuna fatta, a misi a misi
canciasti li to strati di balata.
Negli anni settanta il problema del pane e della sopravviven­za non esisteva più, le condizioni economiche della popolazione avevano raggiunto un buon livello e il poeta ha fatto la seguente constatazione:
Canciasti tuttu, finu a li pirsuni,
a nuddru viu cchiuni d’affamatu,
nun si talia cchiù lu passuluni,
ognunu vesti e parla d’abbucatu.
Ora ca chinu teni lu panaru
o gatu o vasciu cchiù nun cerca pani,
ora ca li tempi si canciaru

  • i sapori
  • gambino ass