Pagamento tassa rifiuti, il sindaco cerca di far chiarezza

Ecco il suo comunicato.

“Al fine di fugare ogni dubbio sull’animata vicenda TARSU e fare chiarezza sull’attività amministrativa degli uffici, da sempre inspirata ai principi di ragionevolezza, efficienza e trasparenza, si evidenzia che la sospensione necessaria della controversia tributaria, in pendenza del giudizio dinnanzi al CGA, è atto rituale delle Commissioni Tributarie, e non rimesso alla discrezionalità degli Uffici, che si attengono fedelmente alle disposizioni di legge, e non a valutazioni di merito e di opportunità.

In ogni caso, si informa che, a seguito di confronto con Equitalia S.p.a. l’Ufficio, nelle more della definizione dei giudizi pendenti, procederà alla sospensione formale delle ultime due rate, di cui si compone la cartella di pagamento, e pertanto, si invitano i Contribuenti ed il Comitato cittadino TARSU, al fine di non incorrere nell’applicazione di sanzioni accessorie, di adempiere l’obbligazione tributaria nei termini, attraverso il pagamento delle prime due rate in scadenza, il cui importo complessivo è comunque inferiore di circa il 10% rispetto al maggior importo derivante dall’applicazione dell’aliquota TARSU anno d’imposta 2008.

Si invitano i cittadini ed i rappresentanti del Comitato, che di certo non vogliono sottrarsi al pagamento dei tributi, di scongiurare ulteriore confusione sul pagamento della TARSU 2009, nella misura legittimamente determinata, e così di pagare le prime due rate della cartella di pagamento notificata, posto che, al di là dell’esito dei giudizi tributari e di appello, l’importo corrispondente è legittimamente dovuto dai contribuenti.”

  • i sapori
  • gambino ass