Oggi è la festa dei Nonni e degli Anziani. Un pensiero del poeta Pino Pennino

Oggi è la festa dei Nonni e degli Anziani. É bello e dolce ripensare al tempo, non molto lontano, in cui, tutti uniti, si era una serena comunanza di affetti e rispetto reciproco in special modo per i più Grandi e ascoltare le loro storie con la saggezza della loro semplicità. L’unione e la Fratellanza era il Vero Bene della Società. Oggi la civiltà, il progresso e lo stravolto concetto di Libertà hanno perduto, non solo assopito, i Veri Valori, i Veri Tesori portando l’Umanita’ a un tale degrado dal quale sarà molto, ma molto arduo risalire. Mi auguro che il futuro dei nuovi Giovani mi possa smentire. Purtroppo le premesse, lo constatiamo, sono sotto gli occhi e la mente di tutti! Riporto due sonetti riguardanti tale argomento. Ringrazio chi avrà la pazienza di leggerle e saluto cordialmente tutti.
.
PERDONO CARI ANZIANl

Papà e Mamme, soli alfin voi siete; in case non più vostre vi trovate, con tanta nostalgia d’ore liete. e tristi che felici donavate.

Tutto elargiste ai Figli e alle Famiglie:
anima, cuore, mente, la salute
e le dolcezze dell’amore figli;
ma l’egoismo nostro le ha perdute!

O cari Genitori, cari Nonni,
conforto e rifugio fin che sani,
abbiamo travagliato i vostri sonni

per aver liberi tutti i domani
lasciando allo Stato van sostegno,
PERDONO VI CHIEDIAMO A GIUNTE MANI!

Paceco (Tp), 11.07.1993
L’Ultimo dei Vichinghi
Pennino Giuseppe

       IL VERO  BENE

La Moglie e i Figli sono i gioielli,
stupendo complemento di Famiglia;
d’ogni altra cosa certo i più belli,
L’Amore Vero che ogni cuore piglia.

Si ama, ci si aiuta e si vuol bene,
L’anima li fa essere un solo cuore,
l’Affetto li unisce nelle pene,
perdona anche con gioia qualche errore.

Papà e Mamma i più grandi Tesori
assieme ai Fratelli e alle sorelle
con Zii e Nonni altri grandi Valori

che riempiono di stelle il firmamento
del mondo familiare così sano.
QUESTO È IL BENE DI CUI ESSER CONTENTO.

Desio (Mi), 29.03.1992

   L'ultimo dei Vichinghi
       Pennino Giuseppe