CANADA/ Il cattolicese Joe Magrì si ritira dalla politica


Joe Magrì con il sindaco Piro

Con un comunicato stampa, qualche giorno fa, il suo ufficio stampa, ha annunciato le dimissioni di Joe Magri da sindaco dell’arrondissement di Rivière-des-Prairies–Pointe-aux-Trembles. Per essere più precisi, Magri si ritira dalla vita politica. Le sue dimissioni, che sono state accettate dal sindaco di Montreal, Gérald Tremblay, hanno avuto effetto dal 12 marzo.

Joe Magrì, 40 anni, figlio di Biagio e Concetta emigrati in Canada negli anni ’60, sposato con Josee Sciascia (anche lei oriunda di Cattolica Eraclea) e padre di due figlie, nel novembre scorso era stato eletto sindaco con il 41 % dei voti ottenendo l’incarico di primo cittadino dell’arrondissement di Rivière des Prairies, il distretto di Montrèal dove tradizionalmente vive una nutrita comunità di emigrati siciliani e cattolicesi.

«Da diversi mesi, sono alle prese con problemi di salute che non mi permettono di assicurare alla cittadinanza di Rivière-des-Prairies-Pointe-aux-Trembles la mia presenza ed i servizi che tutti si aspettano dal loro sindaco di zona. È con grande rammarico, ma con la certezza del dovere compiuto, che lascio le mie funzioni. Voglio ringraziare tutti quelli che dal mio ingresso in politica nel 2005 mi hanno dato fiducia”, dichiara nel comunicato Joe Magri.
Residente nell’arrondissement da oltre trent’anni, Magri è stato eletto come consigliere comunale per RDP nel 2005 sotto le insegne dell’ UCIM diventata poi Union Montréal. In occasione delle elezioni comunali dello scorso novembre, è stato eletto sindaco di Rivière-des-Prairies-Pointe-aux-Trembles.

“Con grande dispiacere accetto la dimissione di Joe Magri. Comprendo le sue ragioni e sono d’accordo che la sua salute viene prima di tutto. Lo ringrazio per il suo impegno. È un uomo di grande valore e gli auguro la migliori fortune”, ha dichiarato il sindaco di Montreal.

  • i sapori
  • gambino ass