Modi di dire in siciliano (pag. 8)

pag. 12345678

  • Tantu ci va a quartara a l’acqua nzinu a quannu un si rumpi.
Tante volte si porta la brocca a prendere l’acqua che prima o poi si rompe.

variante:
  • Tantu va a quartara all’acqua, ca o si rumpi o si ciacca.
Tante volte va la brocca a prendere l’acqua che prima o poi o si rompe o si spacca (letteralmente: si crepa).
  • Tempu pessu e filu cassariatu
Tempo perso e lavoro sprecato
  • Tira cchiossài nu pilu di sticchiu ca ‘n carru di vòi.
Tira di più un pelo di donna che un carro di buoi.
  • Testa ca non parra si chiama cucuzza. (Orazio)
Testa che non parla si chiama zuccòna

Chi si ostina a non comunicare agli altri i propri disagi. (Catos)
  • Tummina tummina sunnu li vai, cu nn’havi cchiu picca e ccu nn’havi cchi’ossài.
I guai sono a palate, chi più chi meno, tutti ne abbiamo. (Catos)
  • Tri pila avi u poccu e u poccu avi tri pila
Tre peli ha il porco e il porco ha tre peli

Riferito a una ripetizione inutile.

  • U minchia unni egghiè, u curnutu a lu so paisi.
Lo stupido è stupido dovunque, il cornuto lo è solo al suo paese(dove lo sanno).
  • Testa ca nun parra si chiama cucuzza.
Testa che non parla si chiama zucca.
  • Unna maggiuri cé minuri cessa.
Dove il maggiore c’è, il minore è nulla.
  • U immirutu jeva e vineva, ma u immu so nun su vireva.(Christian)
Il gobbo andava e veniva, ma la sua gobba non la vedeva.
  • U surdu un è cu nun senti ma cu nun voli sentiri.
Il sordo non è chi non sente ma chi non vuole sentire.
  • Un patri campa centu figghi ma centu figghi non campanu un patri.
Un padre mantiene cento figli, mentre cento figli non riescono a mantenere un padre.
  • U cani muzzica sempre u spardatu.
Il cane morde sempre il povero.
  • Un futtiri mai a casa ru ladru picchi c’arresti futtutu.(july)
Non rubare mai a casa del ladro perché resterai fregato.
  • U ferru si batti mentr’è caudu.
Il ferro si batte mentre è caldo.
  • U micceri bannìa chiddu chi avi
Il mercante pubblicizza la sua merce
  • U Signuri runa pani a cu unnavi renti.
Dio dà il pane a chi non ha denti.
  • U sceccu di calata nun s’ammutta.
L’asino in discesa non va spinto!
  • U sulu quannu affaccia, affaccia pi tutti.
Il sole quando spunta, spunta per tutti!
  • U rispettu è misuratu, cu lu porta l’avi purtatu.
Il rispetto è misurato, chi lo porta lo riceve (Domenico, Catania)
  • U iattu du furgiaru non si scanti di spisiddi
Il gatto del fabbro non ha paura delle scintille –

Si dice per affermare la propria padronanza nel fare le cose.
  • U pumu fracitu guasta tutti l’autri.
Una mela fracida messa insieme a quelle buone, le fa guastare.
  • U ranciu i pantanu ci dici o sceccu “jambi stotti”
Il granchio dice all’asino che ha le gambe storte
  • U varagnu fa passari ‘a stanchizza
Il guadagno fa passare la stanchezza
  • U immuruto mmezzo a via u so immo un su talia
Il gobbo in mezzo alla strada non guarda la sua gobba

  • Venisti pi futtiri e fusti futtutu
Sei venuto per fottere e sei stato fottuto
  • Voli a vutti china e a mugghieri ‘mbriaca
Vuole la botte piena e la moglie ubriaca.
  • viecchi, fimmini e vrocculi sciuruti comu i fa i fa su sempri pirduti
in vecchi, donne e broccoli in fiore non c’è da prendere niente