Modi di dire in siciliano (pag. 7)

pag. 12345678

  • Petra ca un fa lippu sa tira a china.
Chi non fa radici è destinato ad andare in rovina.
  • Panza pati e cuosti riposanu.
La pancia patisce le costole riposano.[7]
  • Parri cu iddu.
Parli con lui.[8]
  • Parra ca parra ‘u parrinu pariemu parrini ca parranu.
Parla che parla il prete, sembriamo preti che parlano.[9]
  • Puntiari è megghiu ‘i cusiri. (inteso nel gioco delle carte)
Meglio far qualche punto che non farne alcuno.
  • Quannu l’amuri tuppulìa, unn’u lassari ammenzu a via.
Quando l’amore bussa alla tua porta, non lo laciare in strada.
  • Quannu u sceccu un voli viviri, e nutule friscarici.
Quando l’asino non vuol bere è inutile fischiargli.
  • Quannu la jatta un po arrivari a la saimi, dici chi fà fetu di ranciru. (Clara)
Quando la gatta non riesce a raggiungere il lardo (di cui è ghiotta), dice che fa puzza di rancido.

Quando non si riesce ad ottenere qualcosa, ci si convince che non vale la pena di rimanerne deluso.
  • Quannu u diavulu accarizza, voli l’anima.
Quando il diavolo adula, vuole l’anima.

 

  • Ricci, pateddi e granci spenni assai e nenti manci
Ricci, patelle e granchi costano molto ma c’è poco da mangiare
  • Ri venniri e di matti, ne s’accatta ne si patti (raziu)
Di venerdi e di martedi ne’ si fanno acquisti, ne’ si intraprendono viaggi. [superstizione]
  • Rutta ppi rutta, rumpemula tutta
Rotta per rotta, rompiamola tutta.

variante:
  • Jurnata rutta, pèrdila tutta.
Giornata lavorativa interotta, perdila per intero.

Elasticità mentale di saper godere anche degli imprevisti. (Catos)
  • Sarba a pezza pi quannu veni u purtusu.
Conserva la pezza per quando avrai un buco da tappare.
  • Scacciuna no funnu unn’arrèstinu (raziu)
Anche le focacce venute male, vengono mangiate.

Detto per consolare le persone bruttine che faticano a trovare un compagno/a.
  • Sceccu zoppu si godi la vita.
Il mulo zoppo si gode la vita.

Vivi lentamente per goderti la vita.
  • Sceccu ca s’avànta un vali mancu na lira.
L’asino che si vanta non vale neanche una lira.
  • Sciroccu chiaru e tramuntana scura, mettiti in mari senza paura.
Scirocco chiaro e tramontana scura, mettiti in mare senza paura.
  • Siddu dici no, ti resta l’amicu e la robba tò.
Se dici di no, ti rimane l’amico e la roba tua.
Si dice per mettere in guardia dal concedere facili prestiti.
  • Si voi lu beni pensa a lu mali.
Se vuoi il bene pensa al male.
  • Si vô futtiri ‘u tô vicinu, curcati prestu e susiti matinu.
Se vuoi fregare il vicino, vai a letto presto e alzati di buon mattino.

 

  • Si è figghia ri iatta surci havi a pigghiari
Se è figlia di gatta non può che prendere topi.
  • Sparagna la farina quannu la cascia è china.
A chi servi sparagnari quannu lu funnu pari?
Risparmia la farina quando ne hai in abbondanza.
A cosa serve farlo quando non ne hai quasi più?

variante:
  • Sgavìta la visàzza quann’è china,
ca quannu è leggia si sgavìta sula.
Risparmia il contenuto della bisaccia quando è ancora abbondante,
perché quando si sarà vuotata… ci sarà poco da risparmiare ormai. (Catos)
  • Sparagna l’acqua e si vivi lu vinu.
Risparmia l’acqua e beve il vino.
  • Spassu di vicini e trivulu di casa. (Clara)
Divertente e piacevole con gli estranei e causa di patimenti e sofferenze in casa.

variante:
  • Spassu di fòra e triulu d’intra (opp: ‘i casa).
Spassosa fuori e lamentosa a casa.

Comportamenti opposti con gli estranei e con i famigliari. (Catos)
  • Stennu u peri fino a quannu u linzolu teni.

Stendi il piede fino a quando il lenzuolo tiene. Non superare il limite di sopportazione. (Serenella