Modi di dire in siciliano (pag. 5)

pag. 12345678

..mezza rutta rumpila tutta!!

Ormai che hai fatto danno continua per la tua strada.
  • Mancia e vivi a gustu to’, causa e vesti a gustu d’autru
Mangia e bevi a gusto tuo, calza e vesti a gusto degli altri.[4]

Se devi fare una cosa che non ti piace, falla subito.
  • Maritu bbonu, maritu tintu, tintu cu unn’avi né bbonu né tintu
Marito buono, marito cattivo, brutto non averne né uno buono né uno cattivo.

[5] (Serenella)

  • Maritu vecchiu maritu sfatto quannu un fa avutru quaria lu lettu
Marito vecchio e stanco se non fa altro riscalda il letto.[6] (Serenella)
  • Mi cuntentu vidiriai a me figghiu mortu abbasta ca viu a me nora scuntenta.
Sarei contenta di veder morire mio figlio purché veda mia nuora infelice.
  • Muggheri onesta, trisoru ca arresta.
Moglie onesta, tesoro che resta.
  • Megghiu a muggheri buttana ca u tirrennu ammenzu la via.
Meglio avere una moglie poco fedele che avere il proprio podere in una zona di passaggio.
  • Megghiu cuttu e misuratu chi longu e sgalapatu.
  • Megghiu inabbissari un paisi chi mettiri un’usanza.
È meglio inondare un paese che instaurare una usanza.
  • Megghiu n’amicu ‘n chiazza ca cent’unzi ‘n sacca.
È meglio trovare un amico in piazza che avere cento onze in tasca.
  • Megghiu u’ tintu canusciutu ca u bonu a’ canusciri.
È meglio un cattivo conosciuto piuttosto che un buono sconosciuto.
  • Megghiu perdiri n’amicu chi scattari lu viddicu. (Clara)
È meglio che muoia di puzza di scoreggia l’amico che mi scoppi l’ombellico [la pancia].
  • Megghiu diri “chissacciu” ca diri “chissapìa.”
È meglio dire “che ne so” che dire “che ne sapevo.
  • Megghiu curnutu ca fissa.
Meglio cornuto che fesso.
  • Megghiu suli ca mal’accumpagnati. (Marilù-Pa)
Meglio soli che mal accompagnati.
  • Megghiu scrusciu i catine ca scrusciu i campane.
Meglio andare in galera che morire per un infame.
  • Megghiu cumannari ca futtiri.
Meglio comandare che fottere.
  • Megghiu nu sceccu vivu ca un dutturi mortu.
Meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • Megghiu ‘ssicutatu d’ì cani, chi cianciutu d’ì Cristiani (G.Merrino-B.La Spada Sr.)
Meglio essere inseguiti dai cani, che invidiati dalle persone
  • Morti ca m’hai a ddari, lestu sìa
Se devi uccidermi, fai presto.
  • Munti cu munti non s’incontra mai.
Prima o poi gli uomini si incontrano di nuovo.