Modi di dire in siciliano (pag. 4)

pag. 12345678

Li fìmmini quarchi vota dìcinu ‘u veru, ma nun lu dìcinu nteru.

Le donne qualche volta dicono il vero, ma non lo dicono per intero.
  • I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu.
I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno.
     

  • I picciuli di lu varveri sunnu biniriciuti di la mugghieri.
  • (Ignazio, Sciacca-AG)

I soldi per il barbiere sono sempre ben spesi
  • Iddu javi na cosa chi ci mpendi chi di tuttu lu difendi
Lui (il figlio maschio) ha una cosa che gli pende che da tutto lo difende.
  • Ioca cu ta patri e cuntiti i catti
Gioca con tuo padre e contati le carte.

  • Jurnata rutta, rùmpila tutta.
Giornata rotta, rompila tutta.
  • Jaggia apetta, aceddu mottu.
Gabbia aperta, uccello morto.
  • A matinata fa a jurnata.
Buon giorno si vede dal mattino.
Chi si sveglia presto al mattino, già ha fatto parte della giornata.
  • L’acidduzzu nta la gaggia, nun canta p’amuri, canta pi raggia.
L’uccellino in gabbia non canta per amore ma per rabbia.
Variante: L’aceddju nta jaggia canta pì mmiria o pi rraggia.
L’uccello in gabbia canta per invidia o per rabbia.
  • L’acqua si nni va nta la pinnenza, l’amuri si nni va unni c’è spiranza.
L’acqua scende dal pendio, l’amore se ne va dove c’è speranza.
  • L’omu gilusu mori curnutu.
L’uomo geloso muore cornuto.
  • La guerra, quannu veni, veni pi tutti.
La guerra, quando arriva, arriva per tutti.
  • La megghiu palora ` chidda nun diciuta.
La parola migliore ` quella non detta.
  • La minchia ‘n culu di l’atri pari un filu d’inia.
I guai degli altri sembrano sempre cose stupide.
  • La petra uffruta di n’amicu è comu un pumu.
La pietra offerta da un amico è come una mela.
  • La pignata taliata nun po vugghiri mai.
La pentola guardata non bolle mai.
  • Li corna su’ comu li denti, dòlinu quannu spùntanu, ma poi sèrvinu pi’ manciari.
Le corna sono come i denti, fanno male quando spuntano ma poi servono per mangiare.
  • Li difetti di la zita s’ammuccianu cu la doti.
I difetti della fidanzata si nascondono con la dote.
  • Li guai di la pignata li sapi la cucchiara ca l’arrimina.
I guai della pentola li conosce il mestolo che mischia.
  • Lu jornu nun ni vogghiu e la sira spardu l’ogghiu
Di giorno non ne voglio e la notte consumo l’olio.

Si dice chi non lavora al tempo giusto e poi eccede nel momento sbagliato.
  • Lu pani nun stuffa mai.
Il pane non stanca mai.
  • Lu sceccu porta la pagghia e lu sceccu si la mancia.
L’asino porta la paglia e l’asino la mangia.

Si dice di una persona egoista che produce qualche cosa e se la tiene per lui solo.
  • La donna porta l’omu alla cunnanna.
La donna porta l’uomo alla condanna: