Modi di dire in siciliano (pag. 3)

pag. 12345678

Santu Luca santu Luca, Di cu sunnu li figghi, si l’annaca.

Ognuno deve risolvere da solo i suoi problemi.

* Di lu mari nasci lu sali e di la fimmina ogni mali.

Dal mare è nato il sale e dalla donna tutti i mali.

* Di quattru cosi nun t’ha fidari: Sirinitati di nvernu e nuvuli di stati, chiantu di fimmina e caritati di frati…!

Di quattro cose non ti fidare: Sereno d’ inverno e nuvole d’ estate, pianto di donna e carità di frate.

* Doppu Natali… lu friddu e la fami.

Dopo Natale… il freddo e la fame.

* Dissi lu surgi a la nuci: dunimi tempu ca ti spirtusu!

Disse il topo alla noce: dammi tempo che prima o poi riuscirò ad aprirti.

Variante – belicina

* Ci dissi lu surci a la nuci: Dammi tempu chi ti perciu! Rispunni la nuci a lu surci: ‘chiu tempu passa e ‘chiù dura mi fazzu!!

Disse il topo alla noce: dammi tempo che prima o poi riuscirò ad aprirti. Rispose la noce al topo: più tempo passa e più dura mi faccio.

* D’ammasciaturi mi truvai zitu.

Portando un’ambascia d’amore, mi sono ritrovato innamorato.

* È inutili ca ntrizzi e fai cannola, lu santu è di màrmuru e nun suda.

Inutile che ti dai da fare col trucco e i bigodini: l’uomo casto è di marmo e non suda.

* Enzu furrìa ammenzu pasta, patate ca a sassa nto menzu.

Enzo rotola in mezzo pasta, patate, con la salsa nel mezzo.

* È bberu ca u picciottu po morriri, ma u vecchiu non po campari (lulu SR)

È vero che il ragazzo può morire, ma è anche vero che il vecchio non può vivere

* Figglia di gatta si nun muzzica gratta

Figlia di gatta se non morde sicuramente graffia

* Fai beni e scordatillu, fai mali e pènsaci

Se fai del bene dimenticatelo, se fai del male pensaci.

* Fai beni a jatta ca t’aratta

Fai bene al gatto e ne riceverai un graffio (se fai del bene alle persone sbagliate loro se ne approfitteranno di te).

* Fatt’a nomina e va curcati.

Fatti la nomina e vai a dormire.

* Figghi e dinari nun si nni mmana chi a sarvari.

I figli e i soldi sono le cose che non si affidano.

* Fimmina chi movi l’anca si nun è bottana picca ci manca.

Donna che sculetta, se non è puttana poco ci manca.

* Fimmina mpiegata si nun è maniata, è tuccata.

Donna che lavora se non ha tradito, l’hanno toccata.

* ‘Fimmini schetti e maritati senza figghi né pi dinari né pi cunsigghi

Donne zitelle e spsate senza figli non son buone né per i prestiti né per i consigli

* Fungi, pateddi e sfinci spenni assai e nenti manci.

Funghi, patelle e sfinci costano molto ma c’è poco da mangiare.

* Funtana ca duna acqua a dù vadduni, nun pò fari dù cori cuntenti. (gigio)

La sorgente che da origine a due fiumi non può accontentare due cuori.

* Futtiri addritta e caminari nda rina portanu l’omu a la ruvina.

Far sesso in piedi o passeggiare sulla sabbia asciutta fa male.

* Fujiri è vriogna, ma è sarbamintu di vita

Scappare è da codardi, ma allunga la vita.

* Futti, futti ca Diu pirduna a tutti

Ruba, ruba (o inganna) che Dio perdona tutti

* Futti e futtitinni

Fotti e non ci pensare