Modi di dire in siciliano (pag. 2)

pag. 12345678

  • Cunta senza junta cà cù cunta cuntentu cunta!
Conta senza aggiunta che chi conta lo fà contento
  • Cacciaturi ca assicuta ddu cunigghia, unu cci scappa e l’autru n’ô pigghia.
Cacciatore che insegue due conigli, uno gli scappa e l’altro non lo piglia.
  • Campana câ nun sona o primu toccu è surda.
Campana che non suona al primo tocco è sorda.
  • Carrica liegghiu e cunsuma o vuoscu
Fai tanti viaggi, ma con un carico leggero.
  • Carta veni e iucaturi si vanta
carta fortunata e giocatore che si vanta
  • ci rissi u sceccu ou voi, pi conna mi poi ma pi minkia sucari ma poi
ci disse ‘asino al boe..ai le corna che io non ho..ma io ho il pene più grosso del tuo!
  • Cci dissi lu Signuri a San Giuvanni: «Di li signaliati, guardatinni.»
Disse il Signore a San Giovanni: «Guardati dai segnati (le persone con difetti fisici).»
  • Chista è a zita, cu a voli sa marita.
La fidanzata è così, chi la vuole se la sposi.

Se ti va bene è così, se no niente.
  • Falla comu voi, sempri cucuzza è!
Condiscila come vuoi, rimarrà sempre una zucca.

O in un modo o nell’altro, la sostanza è sempre la stessa!
  • Cu c’havi ‘u culu considera.
Avendo aria nella pancia, chiunque avrebbe fatto lo stesso.

Chi si trova nella tua stessa condizione ti capisce.
  • Cu accatta abbisogna di cent’occhi; cu vinni d’unu sulu.
Chi compra ha bisogno di cento occhi; chi vende di uno soltanto.
  • Cu accurza allonga e cu allonga accurza
Chi vuole fare le cose in fretta alla fine perde più tempo. (raziu)
  • Cu è riccu d’amici è poveru di guài.
Chi ha tanti amici passa pochi guai.
  • Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.
  • Cu’ asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi.
Chi asini insegue e [alle] donne crede, non vedrà il paradiso.
  • Amici e parenti, ‘un ci accattari e ‘un ci vinniri nenti.
Con gli amici e i parenti non comperare e vendere niente.
  • Cu’ mancia e nun vivi, mai saturu si cridi.
Chi mangia e non beve, mai sazio si crede.
  • Cu’ nesci, arrinesci.
Chi ne esce [dal proprio paese], trova fortuna.
  • Cu’ nun è curnutu è figghiu di Diu.
Chi non è cornuto è figlio di Dio.
  • Cu’ picca avi, caru teni.
Chi ha poco lo tiene caro.
  • Cu di sceccu ni fa mulu, i primu causcu iè dò sò.
Chi di asino ne fa mulo il pimo calcio è suo.
  • Casa senza omu, casa senza nomu.
Casa senza uomo, casa senza nome.
  • Cirasi e pruna, chiantani una.
Ciliege e prugne, piantatele.

Invito a coltivare la bellezza.
  • Callìa chiossà un fasciu di ligna ni la ceminera, câ un arburo ni la foresta.
È meglio avere poca legna nel camino che un albero nella foresta.
  • Chianta arburi ‘mezzu la vigna, si nun pigli frutta cogli ligna.
Pianta alberi in mezzo alla vigna, se non raccogli frutta almeno cogli legna.

Fai del bene nella vita, se non raccogli sorrisi almeno fai felice la gente.
Se una donna non accetta la prima volta è inutile tentare.
  • Ci vole ‘u vento in chiesa, ma no astutàri i cannila.
Quando si esagera a far qualcosa.
  • Chistu e nenti sunnu parenti.
Qualcosa di poco e niente sono parenti.
  • Celu niettu un c’è paura di trona.
Con il cielo limpido non si teme il tuono.
  • Cielu crapinu, se nun ciovi ogghi ciovi rumani matinu
Cielo a pecorelle, se non piove oggi piove domani.(raziu)
  • Ciu annintra iemu, cchiù pisci pigghiamu
Piu’ si va al largo, più pesci si pescano.(raziu)
  • C’é cchiù jorna chi sasizza.
Ci sono più giorni che salsiccia.
  • Chiusa na porta si rapi un purtuni.
Chiusa una porta si apre un portone
  • Cchiu scuru di menzannotti nun po fari.
Più buio di mezzanotte non può fare.
  • Cu avi è.
Chi possiede è qualcuno.
  • Cu avi un parrinu iavi u iardinu.
Chi ha in famiglia un prete ha un giardino.
  • Cu avi lingua passa u mari.
Chi ha lingua attraversa il mare.
  • Cu avi picciuli campa filici e cu nunn’avi perdi l’amici.
Chi ha soldi vive felice chi non ne ha perde gli amici.
  • Cu avi dinari assà sempri cunta e cu iavi muglieri bedda sempri canta.
Chi ha assai soldi sempre li conta, e chi ha la moglie bella sempre canta.
  • Cu cancia a strata vecchia ppi la nova, sapi ‘nso cu lassa ma nun sapi ‘nso cu trova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quello che lascia ma non sa quello che trova.

variante:
  • Cu lassa a vecchia ppa nova, mali s’attrova.
Chi lascia la vecchia per la nuova, male si trova.
  • ci rissi u sceccu o liuni tu si re senza vastuni, si feroci e prepotenti ma di sutta nun naii nenti…
significato: tu sei tutto fumo e niente arrosto

variante:
  • Cu lassa a vecchia ppa nova, attròva ‘a so malanòva.
Chi intraprende nuova vita, spesso si trova pentito
  • Cu ccu cani si curca, ccu pulici si leva.
Chi si corica coi cani si alza con le pulci.
  • Cu di sceccu ne fa voi u primu cauciu è do so.
Chi dell’asino fa bue, il primo calcio è il suo.
  • Cu du’ bucchi vo basari l’una o l’altra hav’a lasciari.
Chi vuole baciare due bocche deve lasciar o l’una o l’altra.
  • Cu mancia fa muddichi.
Chi mangia fa molliche.
  • Cu fà, fa ppid’iddu.
Chi fa qualcosa lo fa per se stesso.
  • Cu figliu di gattu è, surci piglia.
Chi è figlio del gatto acchiappa i topi.
  • Cu pecura si fa, u lupu s’a mancia.
Chi si fa pecora, il lupo lo mangia.
  • Cu è minchia? Carnalivari o cu cci va appriessu?
Chi è stupido? Lo scemo o chi lo segue?
  • Cu nasci tunnu un’ pò moriri quadratu (opp: chiàttu).
Chi nasce tondo non può morire quadrato.
  • Cu pigghia un turcu è so.
Approfittane, nessuno ti chiederà mai il conto
  • Cu va cô zoppu a l’annu zuppìa.
Chi va con lo zoppo dopo un anno zoppica.(Marilù-Pa)
  • Cu si la pighia picciotta assai, tummina tummina sunnu li vai.
Chi si prende una donna molto più giovane ha molti guai.
  • Cu si vardau si sarvau.
Chi si guardò [le spalle ] si salvò.
  • Cu spairti spairti, si futti siempre a megghiu pairti.
Chi fa le divisioni si prende sempre la parte migliore.
  • Cu ti voli beni ti fa chianciri, e cu ti voli mali ti fa arridiri.
Chi ti vuol bene ti fa piangere, e chi ti vuol male ti fa ridere.
  • Cu tocca culu addisia minchia.
Chi preferisce il fondoschiena ha tendenze omosessuali.
  • Cu voli a Cristu si lu preia.
Chi vuole Cristo se lo preghi.
  • Cu zappa, zappa a so’ vigna cu bonu zappa bonu vinnigna.
Chi zappa, zappa la propria vigna chi bene zappa bene vendemmia.
  • Culu ca nun vitti vraca quannu li vidi tutti si li caca.
Fondoschiena che non ha mai visto pantaloni quando li vede li schifa.
  • Culu ca nun ha vistu mai cammisa, quannu sa metti si va cacannu.
Fondoschiena che non ha mai visto camicia, quando la indossa se ne vanta
  • Cu s’affuca chi sò manu, nun c’è nuddu ca u chianci.
Se uno si strozza con le proprie mani, non c’è nessuno che piange per lui
  • Cummannari è megghiu ri futtiri.
Comandare è meglio di fottere.
  • Caliti juncu, chi passa la china
Aspetta che passi questo periodo, verrà il tuo momento.
  • Cu paga avanti mancia pisci fitusi
Non avere fretta a pagare.
  • Chianci chianci tu m’ accatti aranci tu m’u munni e io mo manciu
Bisogna affrontare le proprie paure senza piangere.
  • Cu si curca cchi picciriddi si susa pisciatu.
Letteralmente, chi va a letto con i bambini si sveglia pisciato.
Chi si fida di persone incapaci ne esce malconcio.