L’Omu, poesia in dialetto di Bagur

L’Omu, poesia in dialetto di Bagur

Si t’addumanni:
Qual è l’armali cchiù feroci di la terra?
E macari pensi subitu o liuni,
sbagli risposta e nun ti n’adduni.
Pensa beni ca la menti l’afferra.
Cu ammazza senza mutivu?
Cu lu fa sulu pi currivu?
C’è cu lu fa pi dilinquenza
o pirchì persi la sapienza.
Cu fa guerra pi essiri putenti,
ammazza e si nni frega di la genti.
Cu la fa ca voli cumannari
e cu la scusa di la religioni,
voli cummertiri tutti li nazioni.
Cu ‘ntossica li sciumi e li mari
e la frutta c’on si pò mangiari.
Ponti e strati cadinu comu viscotta,
mmeci di cimentu ci mettinu ricotta.
A fari ‘stu dannu nun è lu re di la savana
ma ddr’essiri ‘ntilliggenti di “LA BESTIA UMANA”!!!

Bagur

  • i sapori
  • gambino ass