L’ITALIA NOSTRA: poesia in dialetto di Francesco Mulè

L’Italia cara, bedda e profumata
è nna figliola ch’avi sidicianni
ca pi la so pirsuna ben furmata
è certu assai taliata da li granni.

C’è dappertuttu ‘u scunfinatu mari,
l’amuri nni lu cori è un focu ardenti;
è friscu comu un gigliu ‘u so parlari
‘u suli d’u so cielu è assai cucenti.

La nostra patria è spizzuliata tantu,
è bedda, hannu ragiuni i gran signuri
ca comudi a lu parlamentu santu
si lottanu pi i seculi vinturi.

Di deputati e senatura è china,
di genti ca nun sapi mai schirzari,
di genti ch’avi a menti troppu fina
e in giru a l’atri nun sapi pigliari.

Cci dicinu: «Ti semu veri amici,
di natri tu nun po’ mai dubitari,
tra boni mani tu si assai filici,
di li to figli ti nni po’ vantari.

E semu genti brava e tantu onesta
e pu to beni natri n’ammazzamu
picchì vidennu vascia la to testa
li grossi guai appressu nni purtamu».

Do Platani a lu Po ci sta ‘sta genti;
è bona quantu Diu la potti fari,
di imbrogli nun nni sapi propriu nenti
e poi di chissi (truffe) nun nna ma parlari.

Vidìti quanta beddra giuvinezza
passia tranquilla nni la chiazza granni,
nun c’è cchiù un pantaluni cu nna pezza,
ognunu passa allegru li bedd’anni.

Nun mmastanu i maestri e li duttura,
cci vonnu cchiù ‘ngignera e cchiù abbucati;
d’a scola media poi li prufissura
cchiù picca sunnu di li cannalati.

È di l’Italia tanta la ricchizza
ca nuddu cerca l’atri cuntinenti,
ca nuddu ha mai pruvato ‘a dibulizza,
mangiannu aranci asciutti assai cuntenti.

Amici cari, nun vi lamintati!
A tutti pensa ‘u nostru capu caru
vi teni da li guai alluntanati
e custudisci lu vostru dinaru.

Nun c’è nazioni tantu organizzata
comu l’Italia nostra d’o dumila;
putemu caminari a frunti isata
cu ‘u virdi biancu e russu di nna tila.

Si beni, infini, ognunu voli stari
li sordi cunsignassi ‘e sinatura,
a li ministri… chi salvadinari!
E Diu cci dassi vita cchiù sicura…

Cattolica Eraclea, 11 febbraio 1967

Francesco Mulè

  • i sapori
  • gambino ass