Lavoratori ex L.S.U.-ATA, lettera dei GD di Cattolica Eraclea al sindaco ed al presidente del consiglio

Dal primo marzo 2014 verranno meno le risorse necessarie al pagamento dei lavoratori che svolgono il servizio di pulizia ed ausiliario presso gli istituti scolastici.

A giorni, difatti, i lavoratori ex L.S.U.-ATA, dopo anni vissuti in condizioni di ambiguità e di precarietà, potrebbero ricevere la lettera di licenziamento.

Nell’ultima legge di stabilità era stata garantita dal Governo Nazionale la proroga dei contratti per l’acquisto di servizi di pulizia e di altri servizi ausiliari in quei territori in cui non è stata attivata la convenzione CONSIP fino al 28 febbraio prossimo.

Inoltre la legge prevedeva l’istituzione di un tavolo tecnico guidato dai Ministeri dell’Istruzione, del Lavoro e dello Sviluppo Economico con le organizzazioni sindacali, le parti imprenditoriali e gli enti locali, per trovare soluzioni normative o amministrative ai problemi occupazionali. Ma ad oggi non è stata trovata alcuna risposta al problema.

Tale situazione, naturalmente, oltre a creare problemi di tipo economico-occupazionale ai lavoratori, creerebbe una gravissima emergenza negli ambienti scolastici e per gli utenti in quanto verrebbero a mancare le norme igienico-sanitarie. È una questione di civiltà sociale. L’argomento riguarda anche sette dei nostri concittadini. Da circa vent’anni essi svolgono un ruolo essenziale per il funzionamento del nostro sistema scolastico. Pertanto chiediamo alle istituzioni di sensibilizzare immediatamente il Governo Nazionale di istituire il tavolo tecnico per trovare rapide soluzioni ai problemi occupazionali al fine di garantire sia le corrette norme igienico-sanitarie negli istituti scolastici sia i lavoratori preservandone il posto di lavoro.a

  • i sapori
  • gambino ass