“LA VURPI E LA GADDRINA”. Poesia in dialetto di Bagur

LA VURPI E LA GADDRINA
‘Mmezzu a la campagna, di prima matina,
‘na vurpi vitti scaliari ‘na gaddrina.
S’avvicina furbastra a passu leggiu,
ma la puddrascia sata ‘ncapu un cilieggiu.
V: – pirchì t’alluntani, cummari gaddrina?
Ti portu ‘ na bona nova stamatina…
G: – Parla ca i’ t’ascutu e ti sentu.
V: – Prima di tuttu ti vulissi cchiù vicina,
sta’ tranquilla e unn’aviri spaventu.
G: – Forsi a chista cci paru stupita o cretina-
(pinsava tra di iddra la gaddrina).
-Chi è ‘sta nova ca un canusciu?
Dillu ca si mi cummeni scinnu a vasciu.
V : – L’armali tutti ficiru paci!
G : – Veru ? e comu fu? Fammi capaci?
V: – E’ ‘na festa cuntinua, si sona e s’abballa,
‘u lupu cu l’agneddru si fa ‘a tarantella!
Mai cchiù guerra ora e sempri paci,
cu abbrazza ,cu vasa e semu tutti felici.
Chi è?.. Ancora nun si cunvinta?
Ma comu ti l’ha diri ca la guerra è vinta!
G: – Mansumma a la fini chi vulissitu di mia?
V:- Scinni ‘nterra ca m’abbrazzu cu tia!…
G:- Si è veru tuttu quantu ‘stu discursu,
dillu a ddr’armali c’arriva di cursa…
A la vurpi cci vinni ‘na scorsa:- Cu è?
G: comu un nnu canusci? E’ ‘u cani Cursu!
Tantu si piglià la vurpi di spaventu,
ca scappà luntanu cchiù forti do ventu!
Mangiannusi di cursa tutta la via,
senza sapiri s’era veru o farfantaria!!!..
Bagur

IN LINGUA
In mezzo alla campagna, di prima mattina,
una volpe vide razzolare una gallina.
Subito s’avvicinò a legger trotto,
la gallina saltò s’un albero di botto.
V: – Perché t’allontani comare gallina?
Ti porto una buona nova stamattina.
G: Parla che io ti ascolto e ti sento .
V:- Ma sei lontana… Mi udrai a stento.
G.- Le tue parole me le porta il vento.
V:- Sarebbe meglio se fossi più vicina…
“ Questa crede che io sia stupida o cretina”
Pensò tra sé e sé la gallina.
G: – qual è la novità che non conosco?
V:- Ma come, lo sanno tutti nel bosco!
Tutti gli animali hanno fatto pace:
mai più odio, ogni diverbio tace.
E’ una festa continua, si canta e si balla,
il lupo e l’agnello danzan la tarantella.
Mai più guerra , ora e sempre pace,
abbracci e baci e sian tutti felici!..
Che c’è? Non sei ancora convinta?
Lo vuoi capire che la guerra è vinta?
G: – Insomma, alla fine che vorresti da me?
V: – Che scendi giù e m’abbraccio con te!
G:- Se è vero tutto quanto questo discorso,
e non ti sei messa a raccontarmi balle,
dillo a quell’animale che t’ arriva alle spalle…
V:- E chi è? – G:- Un bel cane “Corso” !
Tanto si prese la volpe di spavento
Che scappò via più veloce del vento!
Senza guardare, per tranquillità,
se si trattava d’una bugia o verità…
Bagur

  • i sapori
  • gambino ass