La pistola alla nuca

Salvatore Leo

Immaginate di avere una pistola puntata alla nuca. La sentite, è fredda.
Immaginate di avere nella mano sinistra un bel sacchetto di monete d’oro.
Immaginate di avere nell’altra mano una bella valigetta di pelle nera piena di banconote da 100.
Sentite che il proprietario della pistola fa una proposta di scambio: lui abbassa l’arma se voi vi liberate dal carico.
Che fate?

Ad un certo punto, nel mondo occidentale, 2008 mi pare, la Lehman Brothers sbaglia alcuni investimenti e si porta giù tutto il sistema economico, compresa Merry Lynch ed altre banche d’affari.
Le immagini degli impiegati della City di Londra che scappano dai loro ex uffici con le scatole degli effetti personali fanno il giro del mondo.
Tornate a casa dal lavoro garantito da uno splendido contratto a tempo indeterminato. Guardate i Tg, vi sorprendete. Ma tanto queste sono cose che capitano agli altri, mica a voi.
Immediatamente la crisi finanziaria colpisce a macchia d’olio USA ed Europa, e si trasforma in crisi economica. Aziende chiudono, falliscono o vengono assorbite da aziende più forti.
Gli altri perdono il lavoro, gli altri vanno in cassa integrazione, gli altri a 55 anni non sanno più come fare a trovare un nuovo lavoro per completare gli anni necessari alla pensione.
Ma voi siete ancora salvi. Sentite qualche voce di corridoio in cui si parla di una recente flessione dei fatturati. Le solite lamentele. Gli imprenditori non sono mai soddisfatti. E’ sempre stato così.
Dopo qualche mese il clima creato dalle notizie che arrivano rende inquieti voi e i vostri colleghi, temete un po’ di più per la vostra sicurezza economica, pur non essendoci nessuna ragione concreta a sostegno di queste paure. Alle macchinette del caffè si parla essenzialmente di questo.
Dagli oggi, dagli domani, la vostra tranquillità vacilla ancora di più.
Sentite alla radio le notizie sulla FIAT, sui referendum in fabbrica per il mantenimento degli stabilimenti a condizioni peggiori di lavoro. La gente vota, accetta. Pensate che una volta gli operai FIAT avrebbero cortei in massa per lottare contro certe proposte. Ora invece accettano, zitti zitti. Capite che hanno paura, non riescono a reagire.
Poi crollano l’Islanda e la Grecia. Spagna e Portogallo non ridono. L’Italia ride, ma quella, si sa, ride sempre.
Voi invece capite che non c’è nulla da ridere. I vostri colleghi sono impauriti dalla TV che manda a ripetizione notizie devastanti sulla crisi. Capite che se ci fossero problemi in azienda, nessuno avrebbe la forza di reagire. Capite che tutti accetterebbero la soluzione del meno peggio. E vi trovereste isolato nel dire “no”.
Un giorno arriva un comunicato dal Consiglio di Amministrazione. In sintesi: “Proposta: più lavoro pagato a meno, chi accetta resta, chi non ci sta tanti saluti”.
Ecco.
Vi hanno puntato la pistola alla nuca.
Che fate?

Blog di Salvatore Leo

  • i sapori
  • gambino ass