Condividi questo post

(Tratto dal libro da Eraclea Minoa a Cattolica di Lorenzo Gurreri).

La partecipazione dei cattolicesi all’arricchimento culturale regionale e nazionale, seppur modesta, è molto significativa. Nel corso dei secoli, ad iniziare da Diego Miceli per finire ai giovani di oggi, Cattolica Eraclea ha partecipato ai movimenti culturali, non solo come paese importatore, ma come esportatore di pensiero. Si ritiene cosa utile accennare alle opere letterarie, storiche, filosofiche, economiche e di medicina, scritte dai nostri concittadini.
Abbiamo già avuto modo di vedere quanto grande sia stata l’influenza di Pasquale Leonardi Cattolica, sia nel campo culturale-politico sia in quello medico. Nella sua qualità di professore d’ostetricia della regia università di Napoli si è prodigato per diffondere le sue conoscenze e le sue esperienze, ha scritto e pubblicato molte opere tra cui ricordiamo: 1) Lezioni di anatomia descrittiva; 2) Manuale d’istruzione per le levatrici; 3) La storia dell’operazione cesarea; 4) Dell’opera del medico generico nei servizi d’urgenza. È morto il 22 luglio del 1845, dopo aver indicato con tratti indelebili la via agli altri studiosi di medicina cattolicesi. L’Accademia Reale delle Scienze di Napoli gli ha eretto un monumento nel cimitero di Napoli, dove erano tumulati i grandi uomini del Regno.
Il suo esempio ha spronato nelle ricerche altri medici tra cui Giuseppe Castelli e Pasquale Pacino, i quali si sono affermati il primo nella medicina chirurgica e il secondo nelle scienze naturali.

Nel corso dei secoli, nel campo della medicina Cattolica Eraclea si è sempre distinta, dando i natali a medici di fama nazionale, tra cui, oltre ai predetti, possiamo annoverare: Michele Castronovo, che ha lavorato accanto al celebre prof. Tanzini ed ha pubblicato due opere molto interessanti: La glicosuria alimentare nelle malattie di fegato e Sui casi di pietra vescicale nel triennio 1892-95; l’oculista prof. Gaspare Borsellino, il chirurgo Raimondo Borsellino, il prof. Pietro Leo ordinario di Patologia Chirurgica dell’università di Palermo ed autore di svariate pubblicazioni medico-scientifiche, nato a Cattolica il 16 agosto 1932, da Francesco e Rosalia Vaccarino. Iscrittosi alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Palermo, ha conseguito la laurea nel 1955. Negli anni seguenti ha percorso tutte le tappe della carriera universitaria, iniziata in qualità di assistente volontario presso l’Istituto di Clinica Chirurgica dell’Università di Palermo e proseguita con l’abilitazione alla libera docenza ed il ruolo di Assistente Ordinario.

Nel 1971 ha conseguito l’idoneità nazionale a Primario di Chirurgia Generale, cui sono seguiti tanti altri significativi traguardi scientifici. Dal 1976 è stato titolare d’insegnamento di Chirurgia Generale e tecniche operatorie presso le Scuole di Specializzazione dell’Università di Palermo. Ricercatore instancabile, ha dato alla luce molte pubblicazioni a stampa di carattere medico-scientifico. Tra gli straordinari e numerosi traguardi raggiunti nel corso della sua luminosa carriera, ricordiamone alcuni: Professore Ordinario di Patologia Chirurgica e Propedeutica della facoltà di Medicina dell’Università di Palermo e vice-Direttore Sanitario del Policlinico Universitario di Palermo, Presidente del 3° Congresso della Società Italiana di Chirurgia, svoltosi ad Agrigento – Palazzo dei Congressi nell’aprile del 2003, dal 2007 è Presidente Onorario della Società Siciliana di Chirurgia. Nel 2011 gli è stato assegnato il Riconoscimento “Cattolica nel Cuore”. Altre figure di spicco nel campo medico sono: il cardiochirurgo Marino, le cui radici sono cattolicesi, al quale è stata conferita la cittadinanza onoraria e il chirurgo Giuseppe Termine, primario dell’ospedale Cervello di Palermo.
Nel campo storico-politico e letterario in ordine cronologico si sono distinti: Diego Miceli, agrimensore, vissuto dal 13 gennaio 1780 al 26 marzo 1878, è stato cronologicamente il primo storico ad occuparsi di Cattolica. Ha lasciato un manoscritto, che non è stato possibile rintracciare (forse dimenticato in una vecchia libreria), di cui si è servito il Sac. Giuseppe Castronovo nello scrivere le sue Notizie storiche su Cattolica. Questi così afferma:

Quanto lessi nel manoscritto del Miceli è vergato da un uomo, il quale era fornito d’ingegno, aveva, perché agrimensore, piena conoscenza del territorio di Cattolica.[8] Il Castronovo assicura, inoltre, che le notizie tramandateci dal Miceli erano molto interessanti e, per questo, continuamente lo cita nella sua opera.
-Il prof. Giovanni Leonardi, insegnante e direttore didattico delle scuole elementari di Cattolica Eraclea, ha pubblicato una raccolta di poesie e prose, ha collaborato alla rivista di Gabriele Gabrielli Scuola Nuova e non è riuscito a pubblicare le sue due opere principali Nomenclatura e lezioni di cose per le classi elementari e Studi pedagogici e didattica nuova, perché è morto improvvisamente all’età di 43 anni il 2 luglio del 1898.
-Sul finire del XIX secolo il prof. Giovanni Caruselli, studioso eccellente e molto prolifico, ha scritto e divulgato le seguenti opere: Platani – Pecurario e Platanella (1887), Sulla storia della Sicilia Antica (1893), Sulle origini dei popoli italici (1897), ltalianismi della lingua greca (1897), Questione storica letteraria (1900). La sua fama di letterato e storico ha varcato i confini dell’isola. È rimasta famosa la sua polemica col Di Giovanni sull’ubicazione del sito di Platano.
– La cultura popolare ha avuto un validissimo rappresentante nel poeta dialettale Santo Lucia, nato il 28 marzo 1833 e deceduto nel 1917. Ha composto numerose poesie e canti, che ha diffuso personalmente, recitandoli per i paesi della provincia di Agrigento, mentre girava per vendere carbone e aceto. Sono rimaste famose le sue dispute con altri poeti estemporanei di Ribera e Sciacca, con cui era solito incontrarsi nelle osterie. Nel 1901, sollecitato da parenti e amici, ha pubblicato il suo capolavoro Lu munnu a la riversa, molto apprezzato in tutta la provincia. Gran parte della sua produzione poetica ci è pervenuta grazie alla certosina pazienza di una sua parente-ammiratrice, la quale trascri­veva fedelmente le poesie e i canti più belli, che il poeta amava recitare in ogni occasione. Nel 1986 alcune poesie di Santo Lucia sono state incluse nella raccolta Poeti popolari di Cattolica Eraclea, pubblicata col patrocinio dell’Ammi­nistrazione Comunale.
-Giacomo Maria Spoto fu riconosciuto come grande esperto d’agricoltura per aver impiantato nella contrada Montesara nel 1886 la fastuchera di lu Signurinu. La coltura del pistacchio diede ai braccianti di Cattolica, uomini e donne, la possibilità di trovare un lavoro stagionale e contribuire al sostentamento delle famiglie. Tra i suoi numerosi scritti vanno ricordati: il saggio Memoria su Heraclea Minoa ovvero Maccara e le monografie sull’agricoltura Il pistacchieto artificiale e razionale e Studi e ricerche sulla biologia.
-La poesia dialettale è stata diffusa anche per merito del prof. Alfonso Vasile. Nel 1889 ha pubblicato un poemetto eroi-comico La guerra tra li surci e li giurani, traduzione della Batracomiomachia, poemetto burlesco classico, che il Leopardi, si pensa, aveva a sua volta tradotto da Omero. L’opera è caratterizzata da chiarezza di visione, spontaneità ed umorismo schietto.
-Il sacerdote Giuseppe Castronovo, nato il 16 gennaio del 1862, ha scritto parecchie opere, rimaste inedite, di carattere religioso, letterario e storico. Particolarmente interessante è il dattiloscritto del 1922 Notizie storiche su Catto­lica, fondamentale per chi voglia conoscere la storia del nostro paese, intima­mente legata a quella della chiesa cattolica. Ha scritto, inoltre, i Discorsi accademici: Dell’importanza delle Belle Lettere, Della missione della Letteratu­ra, Sulla Bibbia, Sulla Eloquenza Sacra di cui difetta il Protestantesimo etc.; i Discorsi Sacri: Sull’arte e l’aspirazione cristiana, Della provvidenza sugli umani avvenimenti etc. Conversazioni. Il cantico dei cantici e Dello spirito di Modernità degli antichi. Questa copiosa produzione purtroppo è rimasta inedi­ta; l’autore, a ciò incoraggiato dal direttore della rivista Civiltà Cattolica, si apprestava a riunire in un libro tutti i suoi scritti, quando è venuto a mancare improvvisamente nel 1930.

-Negli anni che vanno dal 1924 al 1930 Raimondo Falci ha pubblicato a Roma Ricerche storiche, genealogiche ed araldiche sulla famiglia Leonardi, L’Oriente Sacro e l’Italia e Scienziati e Patriotti Siciliani negli albori del Risorgimento. Queste opere procurarono fama e stima al professore di scienze naturali che viveva a Roma e frequentava i migliori salotti letterari. Importantissima la sua opera Scienziati e Patriotti Siciliani negli albori del Risorgimento, pubblicata nel 1926, che ci fa conoscere l’organizzazione carbonara nella Valle di Girgenti, nonché le lotte della nostra gente per la conquista dell’indipendenza. Nel 1926, quando imperversava il regime totalitario fascista, Raimondo Falci ha affermato:
Scienza e tirannide sono in perfetta antitesi. Quest’ultima avvelena la scienza, ne ritarda o soffoca lo sviluppo. Invece scienza e libertà progrediscono all’unisono. La scienza per prosperare e progredire ha bisogno della libertà, di quella sana e sacra libertà che non è eccesso, né prevaricazione, ma dono di Dio.[9] -Nel 1928 è stata pubblicata dalla casa editrice Montes l’opera del marchese Francesco Borsellino di Busuné Come diverremo ricchi. Il giornale Il popolo di Roma in un articolo del 14 novembre 1928 così l’ha commentato:
C’è un metodo per conquistarsi la ricchezza? Il titolo lusinghiero di questo lavoro promette l’esposizione di una teoria per raggiungere la meta agognata …
Notevole è il capitolo che si riferisce alle alte retribuzioni che, secondo le vedute dell’autore avvantaggiano non solo quelli che le percepiscono, ma tutta la Nazione, compresi i datori di lavoro … Tutto il lavoro è impregnato di questa audacia fascista, che abbiamo chiamata meditata, perché le soluzioni proposte, benché originali, non sono inconsapevoli ed avventate, ma sono fondate sull’osservazione dei fatti economici con coscienza di studioso, ma anche con competenza di uomo pratico, che vince la fatica quotidiana della produzione. Francesco Borsellino, conosciuto ed apprezzato nei salotti agrigentini, era anche un esperto agricoltore dalle vedute moderne ed è stato promotore e presidente del “Consorzio irriguo della Verdura”. Per valorizzare l’agricoltura ha proposto un prezzo stabile del grano e ha partecipato attivamente a quella che fu definita” la battaglia dell’ albero nel Mezzogiorno.[10] Nel 1930 ha pubblicato La granicoltura ed i suoi aspetti economici in Italia e nel mondo, cui ha fatto seguire Le ragioni del disarmo (1932), Abrustung un Wirtschaft (1932) opera in lingua tedesca e Per un ministero della solidarietà nazionale (1933).
-La cultura politico-sociale della prima metà del nostro secolo è stata caratterizzata dalla presenza dell’ on.le avv. Enrico La Loggia, uno dei promo­tori dell’autonomia regionale. Dopo la caduta del fascismo, benché avanti con gli anni, ritornò a far politica e si distinse per aver dato un grande contributo alla stesura dell’odierno Statuto dell’Autonomia. Tra le numerose opere scritte ricordiamo: Il movimento cooperativo agricolo in Sicilia (1914), La cooperazione agricola nel 1923, Le occupazioni e gli acquisti dei terreni – L’intensificazione della produzione (1923), Autonomia e rinascita della Sicilia (1953), Lineamenti di politica economica regionale (1953).
-Il prof. Nino Borsellino, nato a Cattolica nel 1917, scomparso da alcuni anni, ha lasciato con le sue opere una testimonianza indelebile dell’amore che nutriva verso il paese natio. Ha descritto con abilità pittorica gli usi e costumi e le tradizioni religiose di questo nostro piccolo centro. I suoi racconti e i romanzi sono conosciuti ed apprezzati in tutta la Sicilia. Tra loro ricordiamo: Prima e dopo del 1980, Il carrubo del 1983 e Sul filo della memoria del 1985.
-Nel campo letterario e storico si è affermato lo scrittore Giacomo Spoto, nato a Cattolica Eraclea nel 1923, prematuramente scomparso nel 1989, ha il merito di aver pubblicato la prima storia riguardante Cattolica Eraclea e quindi ha stimolato tanti altri ad interessarsi alle memorie storiche cattolicesi. Ha pubblicato nel 1980 Cattolica Eraclea ed il suo territorio, cui hanno fatto seguito Calat lblatanu nel 1983 ed Heraclea Minoa nel 1984. Ha varcato i confini della Sicilia, ricevendo premi e riconoscimenti (premio nazionale Alessandro Antonelli), con i suoi due romanzi Echi di vento (1986) ed Orme sulla sabbia (1988).
Il prof. Antonio Vento ha dato alle stampe il libro Ricordi di Cattolica Eraclea tra le due Guerre Mondiali, con cui, in modo semplice e puntiglioso, ha illustrato le vicende del ventennio fascista.
-Nel campo critico-letterario si è affermato il prof. Pietro Amato, recentemente scomparso, che ho avuto modo di apprezzare personalmente in diversi momenti della mia vita scolastica e non, conosciuto ed apprezzato in tutta la nostra provincia. Legato da fraterna amicizia a Leonardo Sciascia ed a tanti altri scrittori e grandi artisti, è stato considerato come punto di riferimento e guida per i giovani autori agrigentini. Le sue recensioni sono state giudicate puntigliose ed oneste, scritte con spirito critico e realistico. Oltre alle numerose recensioni di opere di autori agrigentini e agli articoli pubblicati sui giornali, di lui si conosce un saggio sulla vita e le opere di Ignazio Buttitta, pubblicato sul IV volume della Letteratura Italiana – I contemporanei ed. Marzorati.
-Concludiamo questa rassegna con il prof. Francesco Renda, il più prestigioso rappresentante della cultura isolana del nostro secolo, nato a Cattolica Eraclea il 18 febbraio 1922, è stato deputato regionale (dal 1951 al 1957) e senatore della Repubblica (dal 1968 al 1972), professore ordinario di storia moderna presso la facoltà di scienze politiche dell’univer­sità di Palermo, adesso in pensione. Fin da giovanissimo ha partecipato attivamente alle vicende politiche del nostro paese, dove ogni tanto è ritornato per incontrare gli amici, i compagni di lotta e i compaesani più cari. Da alcuni anni ha abbandonato l’attivismo politico per dedicarsi esclusivamente ai suoi amati studi storici. Ha pubblicato numerose opere tra cui: L’emigrazione in Sicilia 1652-1961 (1963), La Sicilia del 1812 (Caltanissetta-Roma, 1963), Risorgi­mento e classi popolari in Sicilia (Milano, 1968), Socialisti e cattolici in Sicilia (Caltanissetta-Roma 1972), I fasci siciliani (Torino, 1977), Movimenti di massa e democrazia nella Sicilia del dopoguerra (Bari, 1979), Il movimento contadino in Sicilia, Cronache parlamentari siciliane, Contadini e democrazia in Italia (Napoli, 1980), Il primo Maggio 1890 (Sellerio, Palermo, 1990), la monumentale opera in tre volumi Storia della Sicilia, pubblicata dall’editore Sellerio di Palermo, per la quale è stato riconosciuto come il più grande storico siciliano, ha curato il volume In ricordo di Gaetano Costa (Palermo 1992) e nel 2007 ha pubblicato Autobiografia politica, un appassionante libro che illustra gli avvenimenti storico-politici della Sicilia e in particolare della provincia di Agrigento. La Storia della Sicilia nel 2007 è stata riproposta e diffusa dal Gruppo editoriale L’Espresso ed ha conquistato un gran numero di lettori.
Il patrimonio culturale che abbiamo ereditato deve essere valorizzato, custodito e diffuso, sia da parte degli operatori di cultura odierni, che della biblioteca comunale. Si dovrebbe procedere nella ricerca sistematica di tutte le opere prodotte nel corso dei secoli dai cattolicesi, custodirle con rispetto e pubblicare quelle ritenute utili alla nostra comunità.
Infine, è doveroso menzionare gli altri autori che hanno contribuito a far conoscere il nostro Comune, augurando loro di raggiungere le mete agognate:
-Antonino Pennino, direttore didattico in pensione, ha scritto Reminiscenze sportive, illustrando le sue esperienze dal punto di vista sportivo, storico e sociale;
– Mons. Mercurio A. Fregapane, ha scritto in lingua inglese Fraternally yours, un diario dei suoi messaggi rivolti ai fedeli che vanno dal 1976 al 1983;
– Francesco Campisi, poeta poliedrico, ha pubblicato alcune raccolte di poesie, tra cui ricordiamo: Eraclea Minoa, in cui descrive la nascita della nuova Minoa Eraclea e la bellezza del suo mare, Viaggio in Paradiso, Ultime rime, Versalia, Delusione amorosa e Il peccato originale, scanzonata e satirica ballata composta in gioventù;
– Gaspare Borsellino, cultore dell’arte, ha pubblicato un’interessante monografia su Gordigiani. In essa si manifesta il grande amore che l’autore, erede del marchese Borsellino, nutre per tutte le forme d’arte.
– Francesco Mulé, autore di due raccolte di poesie Il mio poeta e Scogliera, ha manifestato i suoi miti sentimenti verso il paese natio e la natura;
– Giuseppe Pennino ha scritto alcune raccolte di poesie, tra cui Dolcezze in fondo di un tempo perduto e Sentimenti e amore, in cui ha manifestato il suo grande amore per la famiglia e la sua fede religiosa;
– Italo Libertella, traendo spunto da un versetto dell’Apocalisse di Giovanni, ha pubblicato Verrò come un ladro nella notte. In quest’opera vengono esaminate tutte le profezie
– Pino Miceli, conosciuto ed apprezzato come pittore e poeta, vive a Milano dove insegna. Ha partecipato con successo a diverse mostre in varie città italiane. Ha al suo attivo le raccolte poetiche: Sunnu li petri e chiancinu, Sotto il cielo lombardo, Aghi di pino e petali di rosa e Fantasia sicula;
-Lorenzo Gurreri, studioso delle tradizioni popolari, ha pubblicato per il teatro il racconto musicale Storia do me paisi compreso nel libro Storie della nostra gente, la commedia La sciarra è pi la cutra, ha sceneggiato il dramma religioso Passione e morte di Gesù. Tra le sue pubblicazioni di carattere storico si ricordano: Cattolica Eraclea storia arte natura e tradizioni, Indagine storica sulle nostre radici e I siti archeologici nella valle del Platani. Ha scritto una raccolta di racconti Uomini, donne maschere e pupi e ha, inoltre, curato la raccolta antologica Poeti popolari di Cattolica Eraclea e l’opera poetica di Santo Lucia Lu munnu a la riversa.
-Giuseppe D’Angelo, pittore apprezzato in tutta la Sicilia e in particolare nella provincia di Agrigento. Ha partecipato con successo a diverse mostre.
-Rosario Calderaro, è nato a Canicattì ed ha trascorso gran parte della sua vita a Cattolica Eraclea, ha pubblicato due romanzi: Una storia… una vita e La filosofia della mula zoppa, opere che mettono in mostra le debolezze ed i sentimenti della nostra gente;
-Angela Zambito, ha pubblicato Sotto la polvere del tempo, una raccolta di ricerche sui giochi, lavori agricoli, mestieri scomparsi, proverbi, canti e preghiere popolari di Cattolica Eraclea, molto utili per conoscere alcuni aspetti del nostro passato;
– Giovanni Catalano, attore e regista teatrale, ha pubblicato una raccolta di poesie Antica Madre, e tante opere teatrali. Ricordiamo: La fortezza al molo, Corteo Storico Empedoclino e un atto unico sugli Isfar et Corilles e il castello-fortezza di Siculiana.
– Baldo Gurreri, commediografo, ha già pubblicato due commedie dialettali: Calati Juncu ca passa la china in Storie della nostra gente e L’Onorevole Peppino, più volte rappresentate con gran successo in provincia di Agrigento, in Germania e in Canada. Ha pubblicato alcune poesie dialettali, comprese nella raccolta antologica Poeti popolari di Cattolica Eraclea, tra le quali ricordiamo A Cattolica Eraclea. Ha scritto, inoltre le commedie: Il sabato non paga, Cavallacci e cavalline, ‘U cuntrattu di la scecca, I gaddruzza di donna Brasa e una Pastorale, più volte rappresentata.
– Nunzio Beddia, pittore e poeta, molto stimato e apprezzato dagli operatori culturali. Ha pubblicato la raccolta di poesie Da un sobborgo dell’impero e il commento alle proprie opere pittoriche, originali e suggestive, Dal mio taccuino colorato; ha iniziato una raccolta di poesie dialettali, ha partecipato alla pubblicazione dell’antologia Poeti popolari di Cattolica Eraclea e ha scritto il romanzo I giardini di pietra;
– Luciano Sciortino ha pubblicato la raccolta di poesie Germogli, dove sono stati evidenziati i sentimenti e le aspirazioni di un giovane che ha tanta voglia di comprendere la società in cui vive;
– Mimmo Baronello, pittore, scenografo e costumista si è trasferito a Toronto, dove lavora, cercando di realizzare i suoi sogni. Artista apprezzato a al suo attivo la partecipazione a diverse mostre pittoriche e a delle sfilate di moda in qualità di stilista. Primo classificato ad una sfilata di moda La Kore, svoltasi ad Agrigento.
– Maria Grazia Spoto ha pubblicato il libro Frammenti di memoria, opera utile per conoscere le usanze del passato e le feste popolari di Cattolica Eraclea;
– Calogero Giuffrida, corrispondente del Giornale di Sicilia, ha dato alle stampe due indagini giornalistiche: Delitto di prestigio e Delitto alle elezioni, due opere che con l’aiuto di articoli giornalistici ricostruiscono due delitti politici del dopoguerra, avvenuti nel territorio agrigentino;
– Maurizio Miliziano ha scritto Io, siciliano tra orgoglio e disincanto con il fine di stimolare i giovani ad una presa di coscienza della vita sociale e politica della nostra Sicilia.
Nel concludere questa breve rassegna, ci sia consentito stimolare i giovani ad interessarsi di più alle piccole cose dei loro padri, poiché ogni nostro granello di sabbia può corrispondere ad una pietra miliare del loro avvenire.

  • i sapori
  • gambino ass

One Response to "La cultura a Cattolica Eraclea"

  1. Arianna  12/04/2020

    Buonasera,
    sto cercando il libro “Il carrubo” del prof. Nino Borsellino.
    Sapreste darmi qualche notizia?
    Grazie

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.