IO STO CON GLI INSEGNANTI

Forse non ci sono più i professori ed i presidi di una volta, sicuramente, però, non c’è una classe politica che se ne preoccupi e tenti con tutte le sue forze di rimediare. Siamo governati, ed a tutti i livelli, da una schiera di mezze calzette politiche, incapaci di tutto, buone soltanto a moltiplicare corruzione, malefatte, disonestà nazionale e brutte figure internazionali , e di un’ignoranza inaccettabile.afda141f-d796-4bf5-8230-20718958466c

Come possiamo spiegarci la protervia della maggior parte dei genitori italiani quando c’è da difendere l’indifendibilità dei loro figli? O la loro ineducazione? O il loro scarso impegno nello studio? E come si possono  tollerare la loro arroganza, e, a volte, le loro minacce nei confronti degli insegnanti  che spesso rimangono gli unici e veri educatori dei giovani del nostro Paese?  Il Governo, la ministra e gli sgangherati sottosegretari del cavolo cosa stanno facendo? Solo quello di cui sono capaci; cioè niente!

La Scuola italiana non può più andare avanti cosi, occorre una vera rivoluzione  Copernicana, bisogna attuarla per amore e rispetto se non dei nostri figli, almeno dei nostri nipoti e pronipoti. E le vere rivoluzioni, per riuscire e per cambiare le cose devono partire dal basso. Provateci !  siamo tutti con voi.

  • i sapori
  • gambino ass