Il Sindaco reitera la diffida alla Sogeir

piro
comunicato del sindaco

“Con rammarico piglio atto che non sono serviti a normalizzare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani né le proteste telefoniche, né la precedente diffida, né le numerose lamentele dei cittadini . Tuttora sia il paese che la frazione turistica di Minoa Eraclea versano in una situazione di degrado preoccupante sia dal punto di vista igienico-sanitario che del decoro e più specificatamente a fronte della tassa più cara dei paesi dell’Ambito territoriale, e non solo dell’ATO AG1: l’ingresso del paese è sommerso regolarmente da ogni sorta di rifiuti. Il piazzale antistante ai magazzini gestiti da codesta società, limitrofi all’ex macello comunale, è gremito di rifiuti ingombranti di qualsiasi genere che stranamente non sono visti dal vostro personale che nel corso della giornata vi stazione più volte; le strade sono ricettacolo di sacchetti d’immondizia, cartacce, bottiglie di plastica, etc. (la stessa cosa vale per Minoa Eraclea); i contenitori, tra l’altro insufficienti ed in parte vetusti ed inutilizzabili, vengono svuotati saltuariamente e sono regolarmente contornati da sacchetti di spazzatura buttati per terra e da rifiuti ingombranti che, senza la protesta del Sindaco, “perché quella dei cittadini non basta”, non vengono visti dal personale né vengono raccolti per diversi giorni ed a volte per diverse settimane -cosa che normalmente avviene per le postazioni periferiche – (la stessa cosa vale per Minoa Eraclea); il servizio del ritiro domiciliare degli ingombranti, più volte decantato nelle costose campagne promozionali promosse dalla Società, è rimasto sulla carta favorendo l’abbandono degli stessi in ogni luogo del territorio cattolicese.rifiuti In considerazione che questo stato di cose non può continuare sia per i gravi danni che può provocare alla salute dei cittadini, si pensi a quanto possono influire i rifiuti abbandonati sull’aumento della percentuale di molte malattie anche gravi, e sia per il danno all’immagine del paese che vive anche di turismo; che codesta società d’ambito ha distorto il principio della raccolta dei rifiuti favorendone,con il disservizio, la dispersione nell’ambiente cittadino ed extraurbano e non il conferimento in discarica; che ha distorto il principio della raccolta differenziata favorendo, con il disservizio, la dispersione dei materiali riciclabili nel territorio cattolicese anziché riavviarlo al ciclo di recupero; che non possiamo più consentire il deturpamento dell’immagine del paese e della località turistica di Minoa Eraclea né l’inquinamento ambientale. Per tali considerazioni si reitera la diffida ad adoperarsi con ogni mezzo, anche di carattere straordinario, per normalizzare lo stato di pulizia del Paese e della località di Minoa Eraclea ripristinando il decoro e la salubrità dei luoghi significando che, in caso contrario, mio malgrado, saremo costretti a ricorrere alla magistratura .”

IL SINDACO (Arch. Cosimo Piro)

  • i sapori
  • gambino ass