“Il Gioco” dei piccoli attori cattolicesi coprodotto da CineSicilia, la stessa del film Baarìa

adriano-giannini-con-i-bambini-2
i piccoli cattolicesi con Giannini alla mostra di Venezia

Protagonisti del film tre piccoli attori di Cattolica Eraclea

Ultima co-produzione di CineSicilia per la 66. Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia: dopo aver co-finanziato Baarìa di Giuseppe Tornatore, che ha aperto il Festival, e Prove per una tragedia siciliana di John Turturro, la Regione Siciliana presenta anche Il gioco, cortometraggio d’esordio di Adriano Giannini, tratto da Il gioco della mosca, novella di Andrea Camilleri. Il film è stato presentato mercoledì 9 settembre, nella sezione CortoCortissimo. CineSicilia coproduce con Ombla Production il video con un impegno di 20.000 euro su complessivi 120.000 euro.

Breve trama del film
SICILIA, LUGLIO 1943
Su una spiaggia sette ragazzini sono impegnati come ogni estate in un gioco da loro ideato. È una scommessa, si puntano soldi, chi vince prende tutto. Un’ avventura che rapisce per intere giornate i bambini nella magia di una misteriosa attesa. Cosa aspettano? Cosa cercano? Perché quell’ inusuale rito preparatorio? I giorni si susseguono ma nulla accade…Escluso dal gioco, Gennarino, il più piccolo del gruppo, osserva in disparte. È proprio lui però che sembra custodire la soluzione. Tra lo stupore e la rabbia dei giocatori sembra chiarirsi il mistero dell’attesa…

un immagine del film
un immagine del film

“L’interesse per la Sicilia mi ha portato al libro di Andrea Camilleri, ricco di aneddoti e storie della sua terra. In particolare “Il gioco della mosca” ha suscitato il desiderio di renderlo per immagini – racconta Adriano Giannini -. Nella fase di scrittura ho ampliato gli elementi drammaturgici, calando competizione e conflitto individuale in una atmosfera di mistero e magia. Colori, ritmi, odori, sapori e silenzi avvolgono i pensieri ed i corpi dei ragazzi. Mi appassiona raccontare i giochi che orientano la crescita di un bambino. Anzi credo che oggi i ragazzi siano quasi derubati dello spazio e del tempo del pensiero fantastico”. Secondo l’assessore regionale ai Beni Culturali Nicola Lenza, “Il cinema di qualità, la fiction e i documentari di alto livello qualificano sempre più il nostro territorio”. E’ d’accordo il presidente di CineSicilia, Sergio Gelardi, secondo il quale “lavori come quelli di Adriano Giannini gettano uno sguardo attento e scoprono tratti nascosti della nostra Isola”.

Il cortometraggio è stato realizzato nella riserva marina di Torre Salsa (Agrigento), oasi del WWF, nei luoghi in cui è cresciuto Andrea Camilleri. Il film è stato girato interamente con luce naturale, mentre la scena finale è stata realizzata utilizzando 3D e compositing.

  • i sapori