Fase 2 a Cattolica Eraclea, Renda: ”Concedere gratuitamente il suolo pubblico a bar, ristoranti e pizzerie”

La consigliera comunale Mariella Renda, del gruppo Cattolica Eraclea nel cuore, nell’espletamento delle proprie funzioni, visto il momento emergenziale legato al covid-19 chiede al sindaco l’applicazione della seguente proposta: “Tra le categorie più penalizzate dal lockdown senza dubbio rientrano i pubblici esercizi (bar/ristoranti/pizzerie) e le attività che esercitano la vendita alimentare su chiosco/furgoni. Da due mesi tali categorie vivono una situazione diventata ormai insostenibile.
È ormai chiaro a tutti che per qualche tempo dovremo convivere con il virus e che per la nostra regione emerge un impatto più contenuto di positivi al covid. La fase 2 per l’emergenza è ormai alle porte. Tra qualche giorno, ci sarà la riapertura di molti locali pubblici, tra cui bar, ristoranti, pizzerie. Le nuove norme restrittive, obbligheranno gli esercenti al distanziamento interpersonale dei loro clienti. Propongo all’amministrazione comunale di concedere gratuitamente il suolo pubblico (e aumentare quello eventualmente già occupato) per i pubblici esercizi laddove sia consentito. La logica è di recuperare i coperti che si perderanno per effetto delle presumibili distanze che si renderanno necessarie ai fini della sicurezza. Il distanziamento, si stima, comporterà almeno il dimezzamento dei posti a sedere, pertanto l’aumento delle aree esterne sarà l’unica risposta atta a mitigare l’inevitabile dimezzamento dei volumi d’affari. Meteo permettendo, potrebbe essere una soluzione utile fino a settembre inoltrato. Chiedo, inoltre, qualora vi siano attività interessate, la decurtazione del costo di occupazione del suolo pubblico almeno per i mesi di chiusura delle attività”.

  • i sapori
  • gambino ass