Ricostruzione Chiesa Madre, comunicato stampa del sindaco Piro

DSCN1346

“Con grande soddisfazione di tutti ieri sono iniziati i lavori per la ricostruzione della cupola e del transetto della chiesa madre crollati nella mattinata dell’11/12/2003, fortunatamente senza fare
vittime ma lasciando l’amaro in bocca ai cattolicesi che con grande dolore hanno assistito inerti allo scenario drammatico ed indimenticabile del luogo sacro ridotto in un cumolo di macerie.
Una tragedia doppia sia dal punto di vista religioso che dal punto di vista culturale. L’alba di quella triste mattina vedeva crollare il simbolo della chiesa cattolicese, il tempio di Cristo, ed il monumento più importante e rappresentativo del patrimonio culturale cattolicese.
È stata costruita nel 1745, su pianta a croce latina, con razionalità,
compostezza ed armonia delle forme e rappresenta l’architettura
dominante di quel periodo in cui, ci si lascia alle spalle il barocco
e si fa riferimento alle forme culturali classiche, delle quali, la facciata
monumentale e’ l’espressione tipica.
Il crollo ha distrutto il transetto, che simboleggia le braccia di Gesù
Cristo e la cupola, nella cui area ricade il presbiterio – l’altare – in cui la luce di Dio giunge agli uomini per illuminarli.
La tragedia ha toccato il cuore dei cattolicesi, e non solo, ha toccato fortemente il cuore del sottoscritto che nella stessa mattinata del crollo si e’ attivato chiedendo ed ottenendo, dall’allora direttore dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali dott. Pino Grado, il finanziamento per la messa in sicurezza della navata principale, lavori eseguiti con somma urgenza dalla Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Agrigento.
L’impegno per il restauro del monumento, appena iniziato, e’ proseguito con il suo inserimento al primo punto nel programma amministrativo per la candidatura a sindaco del paese nelle elezioni amministrative del 14-15 maggio del 2007 ed ufficializzato alla cittadinanza anche nel comizio conclusivo della campagna elettorale tenuto in Piazza Umberto con l’allora Presidente della Regione On.le Toto’ Cuffaro che, a mia richiesta, l’ha fatto suo.
Impegno mantenuto con il decreto di finanziamento di € 1.175.000,00, prelevati dal capitolo relativo dell’ex art.38 dello Statuto direttamente gestito dal Presidente Cuffaro, che ringrazio pubblicamente.
Riteniamo che l’importante traguardo raggiunto dall’amministrazione comunale sia il regalo più bello che si potesse fare alla popolazione cattolicese ed al reverendissimo padre Nazzareno Ciotta, arciprete e parroco della chiesa, nel momento in cui l’inizio dei lavori coincide con la sua nuova assegnazione alla chiesa San Michele di Agrigento (la batiola).
Anche le sue sollecitazioni e il suo impegno sono stati premiati da questo lieto e storico evento.
Ci auguriamo, e l’impegno continua, che anche il progetto di completamento, a firma degli stessi professionisti : archh. Gaetano Renda, Davide La Mendola, Lorenzo Violante e ing. Giuseppe Tornabene , sia finanziato in tempi brevi in modo che la Matrice venga restituita al più presto ai fedeli, al paese ed al patrimonio architettonico siciliano.

Il Sindaco Arch. Cosimo Piro

  • i sapori
  • gambino ass