“Diciannovi Marzu”: poesia di Pino Pennino

DICIANNOVI MARZU

Oi di marzu è ghiornu diciannovi,
festa du’ nostru santu Prutitturi,
‘u quali si festeggia ppi ogni dovi,
ca Patri fu o’ divinu Sarvaturi.

Oi, forza, cu’ gran Fidi Lu prigamu
chidennucci a Iddu ogni favuri,
e si davveru nautri Lu amamu,
ci l’otteni di certu do’ Signuri.

Si nni li dulura e tanti turmenti
purtamu di cuntinuu la vita,

no, nun ci pirdemu, nun ci avvilemu,
san Giuseppi, ca comu a natri luttau,
ci aiutarà si ccu Fidi ci emu.

 

Pedara (Ct), 19.03.1953