Di chi è la colpa?

riceviamo e pubblichiamo


Si legge continuamente di sindaci che tentano di informare i cittadini della triste situazione delle casse comunali: parlano tutti di debiti, di buchi, di piani di rientro, di bilanci che non quadrano, e arrancano faticosamente nell’esprimere il loro disagio e nel giustificare la “macelleria sociale” messa in atto con l’imposizione di nuovi tributi: Nessuno, dico nessuno, ha avuto il coraggio di spiegare il perchè di tutti questi debiti, fatti dai signori amministratori ma addossati ai poveri diavoli. Si da’ la colpa sempre a “quelli di prima”, ma nessuno osa andare fino in fondo per portare la situazione alle estreme conseguenze.E come potrebbero …..se molti di loro erano proprio tra “quelli di prima”? Perchè , chiaramente, è risaputo che si alternano sempre gli stessi personaggi!!!!!!!!!!Si è aggiunta qualche mascherina per cambiare tutto e non cambiare niente. Qualcuno “piu’ coraggioso” osera’ dire: perchè non ci provi tu , invece di criticare? E bene… prima che lo faccia, io rispondo: è umanamente impossibile mettersi in gioco in una simile situazione. Occorre ribaltare tutto e ricominciare di nuovo. Perchè è impossibile potere amministrare con i vostri sistemi fatti di sotterfugi, di inciuci, di interessi privati e clientelari, di omerta’ e di “non coraggio”. Perchè il vero CORAGGIO è quello di andare fino in fondo , senza perplessita’ e senza mezzi termini: senza insabbiare, senza coprire, senza nascondere, (ammuccia ammuccia ca tuttu si pari). Accusare è facile, dimostrare diventa molto difficile e coraggioso. E’ facile calcare la mano sui poveri fessi ma è scomodo dare un taglio ai vostri privilegi o ai vostri interessi. Nessuno di voi è capace di rinunciare a qualcosa.

E intanto, notizia del momento, un altro giovane si è tolto la vita perchè era stato licenziato dalla GIRGENTI ACQUE. Manco a farlo apposta, si tratta di un altro carrozzone ATO, nato di proposito, giudicato fallimentare, ma tenuto ancora in piedi per l’interesse di alcuni eletti. Chissa’ quanti voti aveva dovuto raccogliere quel giovane per avere quel “posto”!!!!!!!!!!!!!

Summum ius summa iniuria………ma dura lex sed lex………

  • i sapori
  • gambino ass