Cori Sicilianu , la mia prima poesia (di Angelo Guaragna)

Nel 1966 ero un giovane studente dell’Istituto “M.Foderà” di Agrigento, e, a volte, mi rattristava sentir dire o leggere di emigranti meridionali che andati al Nord in cerca di lavoro, dopo averlo faticosamente trovato , avevano molte difficoltà a trovare una casa per abitarvi, o da soli o eventualmente con le loro famiglie. Si diceva che venissero messi alla porta al solo comunicare ai proprietari di case di essere meridionali se non addirittura siciliani. Erano tristi realtà che mi causavano rabbia e tristezza e rappresentarono uno sprone a scrivere dei versi che parlassero di quel vergognoso fenomeno di quegli anni. Poi all’inizio del ’67 mi emozionò la tragica fine di Luigi Tenco di cui ero un grande ammiratore, e sempre nell’Ottobre di quell’anno mi ha colpito un’altra morte altrettanto tragica; quella di Gigi Meroni, estrosissimo in campo e nella vita, calciatore del Torino (e dire che io sono tifosissimo juventino). Continuò così, anche nel’67, questa mia passione di ……..buttarla in versi. E cosi è stato per diversi anni a seguire a proposito di altre emozioni o di altri stati d’animo. Una passione che non mi ha mai abbandonato, dura per sempre ! come i famosi diamanti della pubblicità…….

CORI SICILIANU (Marzo 1966)

Nni la Sicilia beddra sugnu natu
e sugnu fieru di sta terra mia
e propriu ad Iddra haiu didicatu
chista mia semplicissima poesia

Si un siculu arriva in Settendrioni
spessu veni trattatu malamenti,
cunsideratu n’omu zoticoni
quasi cretinu ca un capisci nenti

Quannu ci pensu, mi trema lu cori
vulissi a tutti quanti pruvucari
pi ddiri forti cu rabbia e ccu dulori
ca si sbaglianu tantu a giudicari

Natri Siciliani espatriamu
pi dari a li famigli di campari,
tanti Paisi e terri firriamu
ca anzi , li facemu sviluppari.

Pirchì chi st’odiu n’annu a risirvari
si semu tutti uguali nna sta terra?
Anzi certuni ci hannu a ringraziari
e ammeci ni dichiaranu la guerra.

L’Isola d’oru voli bbeni a tutti
li so abitanti sunnu cordiali,
rispettanu chiunqui o belli o brutti
e di nuddru ca si sentinu rivali.

Perciò basta disprezzu e sulu amuri
pi li Siciliani in Continenti,
portanu entusiasmu e no rancuri
su genti antica, nobili e ridenti.

La terra nostra sempri ha uspitatu
l’atri populi c’arrivanu da fuori
qualunqui razza sempri ha rispittatu
offrennuci lu suli, frutti e fiori.

Natri ca pi lavoru la lassamu
vulemu tutti essiri accittati,
unni c’è travagliu ci arrivamu
e a ccu lu duna, sempri semu grati.

Sappiati ca li genti Siciliani
saprannu ringraziarivi di cori,
semu di Sicilia ma iItaliani
cu nna parola scritta ‘n frunti: amori !!!!!

  • i sapori
  • gambino ass