Comunicato dei Gd sul “problema” acqua

Sempre dalla stessa parte, quella dei cittadini!

Con la gestione dell’acqua nelle mani dei privati la situazione sta diventando economicamente
insostenibile. La Girgenti Acque, società che si occupa della gestione del Servizio Idrico Integrato
nella maggior parte dei comuni agrigentini, sta recapitando bollette con importi spropositati.
Ai più distratti ricordiamo che, insieme ad una numerosa delegazione di amministratori di Comuni
della nostra provincia, viste le recriminazioni dei cittadini di fronte alle cosiddette “bollette pazze”,
avevamo incontrato l’Assessore Marino, al fine di ricevere delucidazioni in merito alla linea politicoprogrammatica
del Governo Regionale. Marino ci ha rassicurato che si impegnerà,
compatibilmente alla volontà dell’ARS, a promuovere la ripubblicizzazione dell’acqua. Inoltre
avevamo segnalato gli innumerevoli disservizi, la miriade di bollette pazze e di perdite non riparate
dalla Girgenti Acque che si “appiglia” ad un Regolamento ai limiti della legalità.
Dinnanzi a tale sopruso il cittadino non deve e non può rimanere immobile ed indifferente.
I cittadini, soprattutto i giovani, devono indignarsi!
Intanto, aspettando che all’interno dell’ARS si inizi a discutere di acqua pubblica, mettendo da
parte ipocrisie e dissapori, e che si riesca ad approvare il disegno di legge sulla gestione
dell’acqua, noi cittadini incontriamoci, organizziamoci sul da farsi, e capiamo, per ogni eventualità,
come procedere. Bisogna far valere la giustizia nei nostri confronti.
Per evitare ogni equivoco ribadiamo la nostra posizione: siamo per la gestione dell’acqua
pubblica e soprattutto contro quei metodi “barbari” della politica che servono solamente a
far lievitare le spese dei cittadini. Metodi che hanno tolto il presente alla nostra generazione.
Non possiamo permettergli di toglierci anche il futuro.
Giovani Democratici di Cattolica Eraclea

  • i sapori
  • gambino ass