Comitato cittadino su patto di amicizia tra Cattolica Eraclea e Vaux en Amiènois

 

 

riceviamo e pubblichiamo

Da più di due anni si portano avanti dei rapporti con alcuni sindaci francesi, tra i quali il Sindaco di Vaux en Amiènois. RAPPORTI SENZA MAI COINVOLGERE LA CITTADINANZA, fatti come una passarella per ottenere visibilità di alcuni a scapito di altri, Questo non è un elemento positivo per l’immagine del paese, anzi acuisce sempre di più la distanza tra politica e cittadino, tra la possibilità di programmare coinvolgendo le attività produttive in un vero progetto, quel progetto che si legge in quel documento che sa sopratutto di Campagna elettorale.

Abbiamo vissuto altre passarelle, senza alcun frutto per il paese, rimane la speranza che si possa veramente fare qualcosa di concreto e non sterili polemiche determinati comunque da un comportamento di soggetti dati alla cultura del personalismo, trascurando il vero senso della politica che nel nostro paese manca quasi da sempre.
Il bene del paese può essere raggiunto unendo le forze, le idee in un progetto ”di tanti” senza boicottaggi ne delle figure istituzionali ne tanto meno della società civile e quelle produttive.
Comunque un apprezzamento ”generico” va al nostro sindaco firmatario di un accordo ambizioso, con la speranza che non diventi carta morta, firmata ed archiviata dopo i propositi elettorali del prossimo anno. Complimenti e un grazie al sindaco francese che ama veramente il nostro paese , forse molto di più di alcuni dei nostri rappresentanti politici e per il coraggio mostrato a stringere un rapporto cosi importante e quasi ”vincolante” per lo sviluppo del nostro territorio