Cattolica, parte la raccolta differenziata in tutto il paese

Diventa generale per tutto il centro abitato la raccolta porta a porta dei rifiuti solidi urbani. L’accordo è stato raggiunto tra il comune di Cattolica Eraclea e la Sogeir, la società che espleta il servizio in 17 comuni. Da lunedì prossimo scompariranno i cassonetti dei rifiuti per cui i cittadini, secondo un preciso calendario, fatto distribuire in questi giorni, conferiranno nelle date stabilite in appositi sacchetti colorati, secondo la natura dei rifiuti, i contenitori ricolmi agli operatori ecologici.

“Per circa un anno – ci dice il sindaco Cosimo Piro – la raccolta porta a porta è stata espletata nel centro-nord del tessuto urbano, dalla piazza al quartiere Mercede, con la percentuale di adesione degli utenti del 25 %. Ora il servizio interesserà tutto il paese per cui rivolgiamo un appello di collaborazione a tutti i cittadini sia perché, con il porta a porta, potranno risparmiare sulle bollette e sia per un problema di civiltà e di sano ambiente urbano. Con questa operazione il comune spenderà anche 100 mila euro in meno di cui 40 per la differenziata e circa 50-60 mila euro per gli evasori della tassa. Il motto è “Paghiamo tutti per pagare di meno”.

Altri benefici economici per la collettività verranno anche da un accordo tra l’ente locale e la Sogeir circa l’utilizzo del personale, in atto in carico al comune, presso la società che farebbe diminuire di parecchio il numero degli operatori ecologici addetti al prelievo quotidiano dei rifiuti. Cattolica risparmiarebbe quasi 200 mila euro l’anno in una situazione di grande difficoltà economica. I cattolicesi pagano oggi la più alta tassa (3,65 euro a mq) tra i 17 comuni della Sogeir.

ENZO MINIO

  • i sapori
  • gambino ass