CATTOLICA. Il maltempo mette a rischio la navata centrale della Chiesa Madre


Corre un gravissimo rischio la navata centrale della chiesa madre di Cattolica Eraclea.

Il tetto, con copertura di tegole, si è notevolmente abbassato e rischia di crollare sulla navata centrale, forse a causa della notevole quantità di pioggia che continua a cadere e che molto probabilmente si infiltra nella grande struttura religiosa. Ad accorgesi dell’abbassamento della copertura sono stati i tecnici comunali che hanno chiesto un sopralluogo ai loro colleghi della Protezione Civile e del Genio Civile i quali hanno confermato la situazione precaria della chiesa, dove tra l’altro sono in corso attualmente i lavori del primo stralcio di finanziamento di ricostruzione, relativo alla cupola dell’abside, sopra l’altare centrale e il transetto.

L’ufficio tecnico comunale ha subito redatto un progetto di immediato intervento, per evitare il crollo rovinoso della navata centrale, le cui carte sono state portate subito a Palermo dal sindaco Cosimo Piro all’assessorato regionale alle Infrastrutture per chiedere un intervento finanziario di somma urgenza. Si vuole evitare il crollo del tetto del luogo di culto, le cui pareti in questi anni sono state tenute in piedi dai tanti puntelli di legno adottati dopo la caduta rovinosa dell’abside nel 2001. Allo stato attuale la Regione Siciliana sta spendendo per la ricostruzione della cupola, con gara appaltata e lavori iniziati, un milione e 175 mila euro. La salvezza del tetto è indispensabile per potere proseguire nella ricostruzione totale della più grande chiesa della città.

ENZO MINIO

  • i sapori
  • gambino ass