Cattolica e Sciacca proposte come candidate “città europee dello sport 2016”

riceviamo e pubblichiamo la lettera che è stata inviata ai sindaci di Cattolica Eraclea e Sciacca da Dott. p. Avv. Maurizio Miliziano
Vice presidente Ist. Pubblico “Principe di Palagonia” Palermo e Arch. Giuseppe Massimiliano Barca Delegato Regione Sicilia, per la federazione Delle città Europee dello Sport Aces Europa Palermo

Gentilissimo sig. Sindaco, la presente per porre alla Sua attenzione un progetto che potrebbe
dare ossigeno allo sport locale ed alle strutture poco funzionanti: proporre Cattolica Eraclea
insieme alla vicina Città di Sciacca, condidate: “città europee dello sport 2016”
Lo sport è conquista del territorio, salto dopo salto, con il nuoto, con il calcio, con la bike….
Lo Sport complessivamente inteso per ripercorrere l’epopea dei pionieri. Occorre coraggio.
Occorre che la cultura, la cultura dello sport possa infondere lealtà, strategia e rispetto delle
regole.
Ecco perché Vogliamo, che lo sport non sia solo una visione superficiale e locale, ma
attenta e europea, o per dire, solamente di calcio parlato, o di nuoto non praticato, ed
apparire lo sport, talvolta violenza bruta: perché ha valori importanti in sè.
Primo: è intelligente, ogni sport ha un programma preciso, una strategia limpida e
presuppone una organizzazione quasi perfetta; secondo: ci vuole spirito di gruppo e
autodisciplina, se ognuno non fa la sua parte non funziona; terzo: è trasversale a qualsiasi
strato sociale e a qualsiasi colore della pelle, insomma in un team trovi di tutto; quarto:
impone il rispetto delle regole cosa che, per tornare all’attualità, nel nostro Paese sembra
totalmente scomparsa; quinto: esalta l’audacia del singolo, chiamato spesso a superarsi ma sempre in una logica di gruppo, per il bene del gruppo.

Maurizio

  • i sapori
  • gambino ass