Caro futuro sindaco ti scrivo….

 

 

Nella prossima primavera  il nostro paese, dopo cinque anni,  deve eleggere un nuovo sindaco.

 

Il cattolicese non chiede nulla di straordinario, ma solo storie di ordinaria normalità.
Non occorre andare sulla luna. Piacerebbe soltanto avere una città dove, sulle mura piuttosto che vedere solo e soltanto manifesti listati a lutto, sarebbe bello avere cartelli del tipo: “Oggi, è nato tizio, ne danno il lieto evento la mamma ed il papà….”. Un piccolo segnale di rinascita. Al futuro amministratore chiederemo di non presentarsi “al suo futuro popolo” parlando male dei suoi predecessori. Di quello che non hanno fatto o di quello che avrebbero potuto fare.

Lo esorteremo ad illustrarci il suo programma, fatto di pochi punti: chiari e realizzabili.  Impegno serio e concreto per rilanciare Eraclea Minoa, non solo per riempire i programmi elettorali e tanto altro ancora. Lo inviteremo a presentarci la sua squadra subito, immediatamente. Senza nascondersi dietro nulla. Barare, non gioverebbe a nessuno. Agli innumerevoli aspiranti primi cittadini scriveremo di pensarci bene prima di formare l’ennesima compagine politica. Sarebbe forse più saggio cercare di riunire le forze, piuttosto che disperderle. Ci piacerebbe poter rivivere i “comizi” di un tempo, per poter saggiare le qualità oratorie del futuro primo cittadino e della sua squadra. Aimè troppo spesso siamo costretti ad ascoltare ben altro.

Adesso cari concittadini fate conto di scrivere una lettera, dando qualche consiglio o indicazione per migliorare il nostro paese, al futuro sindaco della nostra cittadina. Il 2016 sta quasi per finire, il momento è opportuno per esprimere i nostri desideri. Che cosa scrivereste al prossimo sindaco di Cattolica Eraclea?
Fatelo qui sotto nel form dei commenti o su Facebook.

  • i sapori
  • gambino ass