Calcio – Il bello viene adesso per l’ASD Cattolica

Gaspare e Gery Tutino
Gaspare e Gery Tutino
Il verdetto del campo è inequivocabile: per i posti più alti del girone B del Campionato di Seconda Categoria il Cattolica dirà la sua, e il netto 3-0 inferto alla seconda in classifica Bolognetta non lascia spazio a dubbi. Mister Tutino nonostante le assenze di Catenese, Tutino e Broccia, si affida in larga parte alla formazione che sul campo del Contessa Entellina era stata corsara la Domenica precedente. Confermato dunque Gabriele Catania nella nuova veste di terzino sinistro con Stagno, A. Termine, e G.Termine a completare il quartetto difensivo, cabina di regia affidata al duo Bongiorno – A. Catania con Caruana e R.Miceli sulle fasce, in avanti il tandem in stato di grazia formato da Trinci e Liborio Miceli, tra i pali il portierone Russo. Il Cattolica ha subito una nitidissima palla gol al 3′ quando Rosario Miceli non trova il tempo giusto per ribadire in rete a porta vuota una respinta del portiere su tiro di Trinci. Il Cattolica continua a premere fortissimo sull’acceleratore e al 12′ passa in vantaggio con un gran gol del giovane Liborio Miceli che, su lancio di Bongiorno (grande prova del mediano amaranto), ruba il tempo al portiere e a due difensori avversari alzando un bellissimo pallonetto dal limite dell’area che va ad insaccarsi nella porta vuota. Le occasioni da gol per il Cattolica sono numerosissime, e il legittimo raddoppio arriva al 27′ quando ancora una volta l’incontenibile Liborio Miceli si lancia su un pallone a cui non credeva ormai nessuno e approfittando di un errore del difensore, sorprende con un preciso tiro all’angolino il portiere ospite. Il Cattolica sembra ora voler gestire il possesso palla per andare al riposo col doppio vantaggio, cosa che riesce facilissima grazie alla grande tecnica di Caruana e Antonio Catania autore di 90′ da padrone del centrocampo. Ma allo scadere della prima frazione di gioco arriva un’occasione ghiottissima per i piedi da fenomeno di Giuseppe Stagno: punizione dai 22 metri procurata ancora una volta da Liborio Miceli, traiettoria forte e millimetrica del numero 5 amaranto che va ad insaccarsi al “sette”, lasciando di sasso il portiere del Bolognetta e scatenando ancora una volta la festa in tribuna. Il secondo tempo è ancora teatro del monologo della squadra locale che minaccia diverse volte la porta avversaria, grazie anche alle scorribande di Gabriele Catania che anche da terzino dà il solito spettacolo fatto di corsa e grande tecnica. Tutino coglie allora l’occasione per dare spazio a due eterne glorie del calcio Cattolicese come Borsellino e Gurreri che offrono anch’essi una grande prestazione.

  • i sapori
  • gambino ass