Cala il sipario sul carnevale cattolicese 2012, concludiamo con l’inno musicale “Chi nni finì bedda”

Il carnevale, come ogni anno, è un momento di svago, di divertimento e di spensieratezza. E’ un momento in cui ci si dimentica dei problemi e delle angosce che avvolgono la vita di ognuno di noi, per fare posto alla voglia di essere protagonisti, di essere partecipi di un sano e semplice divertimento, come lo può essere un tratto di penna sul viso, piuttosto che una parrucca improbabile …………………. ma soprattutto è un momento in cui si riesce a sorridere e a scherzarci sù ad una situazione politica, economica e sociale a carattere mondiale difficile o forse è più giusto dire tragica. Il carro allegorico “CHI NNI FINI’ BEDDA”, e di conseguenza anche l’inno, sono nati proprio per esorcizzare questo momento storico e per cercare (scherzando) di prenderne coscienza e dare vita ad una nuova fase di speranza che, come si sa, è sempre l’ultima a morire. Il testo dell’inno è stato scritto da Alfonso Licata, alla composizione musicale ha pensato Angelo Di Dio che ha arrangiato ed eseguito il brano. Le voci sono di Mattia Triassi, Antonella Licata, Angelo Di Dio e Alfonso Licata.

  • i sapori