Branco di cani “vaganti” in giro per il paese

via Agrigento - foto Jessy Gurreri
via Agrigento - foto Jessy Gurreri
Cani randagi in giro per le vie cittadine di Cattolica. Da giorni il branco, formato da animali anche di grossa stazza va indisturbato per le strade. Diverse le segnalazioni giunte in redazione e confermate dalle foto inviate da una nostra utente residente nel quartiere Sant’Antonino. Il percorso seguito dal gruppo di cani in cerca di cibo sarebbe sempre lo stesso: Via Agrigento, corso Regina Margherita, Via Prof. Leonardi e altre via adiacenti il centro storico. La Regione Sicilia, nel 2009, tramite l’Assessore Regionale alla Sanità Massimo Russo ha emanato una direttiva che in 13 punti declama obblighi e competenze dei Comuni in materia di randagismo. Secondo il dispositivo di legge gli enti locali devono: provvedere, direttamente o in convenzione con enti, alla cattura dei cani vaganti per salvaguardare l’incolumità pubblica e dotare la propria Polizia municipale di dispositivi di lettura dei microchip di identificazione dei cani. Sempre compito dei Comuni è affidare i cani vaganti catturati, dopo la loro identificazione e microchippatura, ai rifugi sanitari pubblici o convenzionati. A Cattolica, forse per mancanza di fondi, il servizio sembrerebbe non attivo. A nostro avviso crediamo sia urgente che l’organo per legge competente, provveda ad eliminare il pericolo della loro presenza in strada, mentre ai cittadini consigliamo di tenersi a dovuta distanza. Non escludiamo infine che a cospargere le strade cittadine di sacchetti contenenti rifiuti non siano solo della gente incivile così come etichettata da qualcuno, ma forse più… un branco di cani randagi.