Assessori e vice sindaco si riducono indennità del 40 per cento

Santo Borsellino, il nuovo vice sindaco

(Nella foto Santo Borsellino, il nuovo vice sindaco)

In un periodo in cui la crisi economica attacca le tasche di tutti i cittadini e quando le amministrazioni comunali di tanti paesi si dibattono con le casse municipali decisamente vuote, assume particolare rilievo la decisione della giunta comunale di ridursi l’indennità mensile e di destinare le somme di denaro per finalità sociali.
E’ il caso della giunta comunale di Cattolica Eraclea che, con un atto spontaneo e unitario, ha approvato nella giornata di ieri la delibera con la quale si auto riduce l’indennità di funzione spettante per legge agli amministratori nella misura del 40 per cento. A prendere tale decisione sono stati gli assessori Michele Spezio, Rosalia Todaro e Santo Borsellino, quest’ultimo nominato nella squadra del sindaco Termine appena da un pio di giorni.
Gli amministratori hanno motivano il provvedimento assunto con il fatto che “gli assessori, vista la situazione economica del paese e la grave crisi che da anni attanaglia l’economia del paese, costituito principalmente da anziani, agricoltori, studenti e da tanti disoccupati, propongono di rideterminare le loro indennità, effettuando la riduzione complessiva del quaranta per cento della indennità spettante”.
Stando alle cifre, ricalcolate e inserite nella delibera n.5 del 20 gennaio scorso, si calcola che al vicesindaco andrà l’indennità mensile complessiva di 329,79 euro e agli assessori la somma di 266,82 euro. Il sindaco Nicola Termine non subirà alcuna decurtazione della indennità in quanto già su di essa grave la riduzione del 50 per cento in quanto lavoratore dipendente per lo svolgimento della professione medica a Palermo.
Si tratta di un risparmio complessivo in un anno per l’ente locale di alcune decine di migliaia di lire che saranno depositate in un apposito capitolo del bilancio comunale. “La somma accantonata, mese dopo mese, sino alla fine del mandato amministrativo da parte di tutti i componenti – ci dice il sindaco Nicolò Termine – sarà destinata di certo ai servizi sociali per le necessità più urgenti della popolazione”. E’ presto per programmare gli interventi derivanti dall’economia di spesa, ma pare che già alcuni cattolicesi abbiano segnalato al primo cittadino il possibile acquisto di un’ambulanza nuova di zecca da mettere a disposizione dell’utenza.
La determinazione degli amministratori di Cattolica Eraclea non è un fatto nuovo e isolato perché gli stessi il 26 giugno dell’anno scorso avevano adottato un’altra delibera con la quale si decurtavano l’indennità di funzione del 10 per cento.

Enzo Minio – La Sicilia