“A che gioco giochiamo?”

“Sette giugno 2011, Cattolica sciopera in maniera democratica, civile e soprattutto spontanea.
Cittadini carissimi, amici miei, ….E’ già da un anno e mezzo che parliamo e riparliamo di TARSU …. Sembra che abbiamo acquisito un trastullo, un passatempo che per troppi versi sta durando a lungo e non è per niente innocuo o economico.
Non si parla altro che di immondizia – Se ne parla cosi tanto che quasi comincia ad imputridire. … Ad evitare di farla diventare puzzolente bisognerebbe trovare al più presto una soluzione. … … Con le questioni che attanagliano i comuni e mettono in crisi le Amministrazioni ci si arena e ci si intestardisce spesso su problematiche ed interessi pseudo sociali e collettivi, a discapito dei cittadini e della stessa Cattolica Eraclea.
Gli organi preposti all’amministrazione piglino coscienza nel portare avanti le soluzioni di questi problemi per i quali hanno chiesto alla cittadinanza la fiducia con il voto di preferenza.
Le opposizioni si sveglino e tentino di salvare il salvabile. …. Se ci riescono.
Certo è che nessuno può scagliare la “ prima pietra”.
Un’autocritica è d’uopo farla. Chi ha sbagliato non può continuare a sbagliare, non può con una menzogna nascondere un’ inganno. Non può restarsene in silenzio !!
E’ arrivato il momento, per chi ha sbagliato e continua a sbagliare, di smetterla!!
E’ comprensibile che il ravvedersi può sembrare essere segno di debolezza, … di colpevolezza. … Nel contempo però è dimostrare a se e agli altri una grande forza, … una grande maturità, … una grande presa di coscienza, … di moralità e correttezza che si acquisisce nei confronti dei cittadini del nostro comune di Cattolica Eraclea .
Bianchi e rossi, belli e brutti mettetevi assieme per il bene comune, superate tutti gli ostacoli che vi diversificano, cercate di mandare avanti questo benedetto paese che oggi langue; … che oggi sta pagando le conseguenze di tantissimi anni di cattiva amministrazione; … che oggi, abbandonato a se stesso, deve subire le angherie amministrative relative ad ingiustificati aumenti della TARSU e al rispolvero di aree non pagate dal 2004 in poi mediante avvisi di accertamento. ….. Signori miei svegliamoci, …. voi che potete rimboccatevi le maniche, ….. rifletteteci, …. non fate male agli altri, può riversarsi su voi stessi, … perciò rispettate il vostro mandato,… assolvete il vostro dovere! …. sarà una passeggiata e chi ci guadagnerà saremo tutti noi, … la nostra bella Cattolica, … i nostri figli … le nostre coscienze.
Sembra che si stia giocando come il gatto gioca con i topi.
Amministratori, fate un passo indietro, fatene anche due se necessario!!
Il problema deve essere risolto, al più presto e senza remore. ….. Non potete mortificare ancor di più questo paese e tanto peggio trattare i suoi cittadini come servi della gleba a cui imporre la gabella. ….” Sig. Sindaco non ce ne abbia, non è stato forse Lei (marzo 2010) che ha assicurato la cittadinanza che avrebbe fatto l’impossibile per risolvere il problema TARSU“? ……. “ Non è stato sempre Lei che ha definito scellerata, clientelare ed antieconomica la gestione della precedente amministrazione”? …. “Non è stato ancora Lei, quando eletto, che ha dichiarato di voler risolvere il problema spazzatura come primo atto della Sua sindacatura e che sarebbe stato il Sindaco di tutti ”?….. Non abbiamo capito ancora chi sono questi tutti e stiamo aspettando che si apra il sipario.
Noi Comitato Cittadino e tutta la cittadinanza siamo in attesa di conoscere il Suo operato.

Cattolica Eraclea, 07/06/2011
Comitato Cittadino
Cattolica Vola

  • i sapori
  • gambino ass