1910-2010 i cento anni della Nazionale di calcio

Cent’anni fa, domenica 15 maggio 1910 all’Arena di Milano, la prima volta dell’Italia

La Nazionale del 1910

La Federazione Italiana Giuoco Calcio nacque nel 1898, quando il calcio in Italia era ancora a un livello pionieristico. I vari tentativi di dar vita a una selezione nazionale, sulla falsariga di quelle già esistenti nelle Isole Britanniche e, per stare più vicino a noi, della Francia, si concretizzarono nel 1910, quando finalmente, e proprio contro la stessa Francia, il 15 maggio all’Arena Civica di Milano la Nazionale italiana giocò il primo incontro della sua storia. Per la cronaca, l’Italia vinse 6-2 (capitano Francesco “Franz” Calì) e il primo goal italiano fu segnato da Pietro Lana che, nell’occasione, realizzò una tripletta.
Pochi giorni dopo l’esordio, l’Italia andò a far visita all’Ungheria che all’epoca, insieme all’Austria, rappresentava quanto di meglio si potesse trovare sulla scena del calcio mondiale (la cosiddetta Scuola Danubiana, in auge fino a tutto il primo dopoguerra e poi decaduta). Non stupisce quindi la pesante sconfitta che gli Azzurri rimediarono a opera dei Magiari. Nell’occasione, quella fu la seconda e ultima volta che la Nazionale utilizzò maglie bianche con lo stemma di Casa Savoia. Fu deciso che dall’incontro successivo (per combinazione, sempre contro gli Ungheresi, il 6 gennaio 1911 a Milano) il colore da utilizzare, proprio in onore dei Savoia, fosse l’azzurro della loro bandiera, al centro della quale v’era lo Scudo Sabaudo rosso con una croce bianca all’interno. Le foto dell’epoca ci mostrano un colore slavato tendente al celeste e in effetti le sfumature cromatiche della maglia cambiarono notevolmente nel corso degli anni, passando da un bluastro-indaco fino a un azzurro scuro, non essendo mai stata chiarita con precisione la tonalità dell’azzurro da usare. Comunque, il colore fece subito presa e fin da allora i giocatori della Nazionale vennero chiamati Azzurri. Azzurri si chiamano anche oggi, per estensione, tutti gli atleti che, dopo i calciatori, si trovarono a rappresentare l’Italia nelle varie discipline sportive.
Gli esordi della Nazionale videro una squadra piena di carattere e di buona volontà ancorché tatticamente sprovveduta. A dispetto del fatto che l’ossatura fosse basata sui giocatori della Pro Vercelli, ovvero la miglior squadra italiana del momento, i risultati tardarono ad arrivare e alla prima uscita ufficiale, il torneo calcistico dei Giochi Olimpici di Stoccolma nel 1912, l’Italia, guidata per la prima volta da Vittorio Pozzo fu eliminata al 1° turno.
Si dovette attendere il 1920 e la fine della Grande Guerra per rivedere l’Italia in un torneo ufficiale, ancora i Giochi Olimpici, quelli di Anversa. Progressi se ne videro, giacché gli Azzurri giunsero ai quarti di finale. Stesso risultato quattro anni dopo a Parigi.
Nel 1928, dopo l’esordio nella neonata Coppa internazionale, l’Italia si presentò con fondate speranze di far bene al torneo calcistico dei Giochi Olimpici di Amsterdam. In effetti gli azzurri, dopo aver superato il girone di qualificazione, sconfissero la Francia negli ottavi di finale (4-3, rimontando da 0-2) e la Spagna nella ripetizione dei quarti dopo aver pareggiato il primo incontro (1-1 la prima partita, addirittura 7-1 la ripetizione) qualificandosi così alle semifinali dove si dovettero fermare di fronte ai campioni olimpici uscenti dell’Uruguay, che vinsero 3-2. Considerando che l’Uruguay all’epoca era una delle potenze mondiali del calcio (avrebbe vinto il primo mondiale di calcio due anni dopo), il risultato dell’Italia fu più che lusinghiero. A completare l’ottimo torneo, arrivò la medaglia di bronzo conquistata battendo l’Egitto per 11-3, tuttora l’incontro degli Azzurri con il maggior numero di reti segnate.

Finale mondiali calcio 1982 tra ITALIA E GERMANIA telecronaca originale di Nando Martellini

  • i sapori