Poeti popolari cattolicesi, eccovi Santo Lucia

20111216-110854.jpg

In questa rubrica pubblicheremo alcune poesie dialettali che ci descrivono alcuni aspetti del nostro paese. Iniziamo questa simbolica antologia con il poeta popolare più conosciuto: SANTO LUCIA, nato nel nostro Comune il 28.03.1833 da Saverio Lucia e Gesua Fregapani.Vogliamo sottoporre all’attenzione del lettore non tanto i suoi più famosi componimenti quali “Lu munnu a la riversa” e “Lamentu populari”, quanto alcune brevi poesie che ci descrivono la vita e i problemi d’allora (per certi aspetti ) simili a quelli di oggi.Chi volesse saperne di più può consultare la raccolta di poesie “Lu munnu a la riversa”.

Dopo l’unità d’Italia, il popolo fu gravato di nuove tasse ed erano tante da impedire al commercio di prosperare
L’EPOCA
Reggiri nun si pò, lu tempu è vili,
nn’hannu tagliatu li pinni di l’ali!
Nun c’è mastri viddrani, ‘un c’è civili,
ca ‘un portanu la cruci tutti uguali.
Un tempu si pisava a lu suttili
e si truvava spassu ‘nt’ogni lucali
ed ora, ca ci su’ litri cu chili,
nni fannu manciari cu lu sali!

Né criu ca successu a nuddra parti,
comu nni chista liggi tanti furti!
Viu fari la guerra cu li carti
senza fucili e cu li armi a curti.
Jornu pi jornu dunanu l’assarti
sutta la scusa di funnuaria e murti,
nni lu paisi arrobbanu cu l’arti
e nun stannu suggetti a la Gran Curti!

POVIRA ITALIA
Povira Italia cieca ca nun vidi
li mali passi to’ dati a tantuni!
Nni lu forti dispizziu tu cci ridi,
ca piglianu la fuga li pirsuni.
Tu ha’ la spatan forti e ti nni fidi
di fari nesciri l’ogliu a lu giacuni!
Ma un grossu zuccu ‘na minuta accetta
a grossi corpa ‘n terra cci lu jetta!

Iu ti nni pregu di canciari strata
e nun fari cchiù ‘sta brutta via,
ca pi fari ‘na bona midicata
un medicu vint’anni cci studia.
Perciò ti dicu nun essiri ustinata,
pi lu mali e lu beni ascuta a mia,
ca ‘ntra lu munnu sempri è successu:
cu arridi prima, chianciri in appressu!

  • i sapori
  • gambino ass