13 – 16 – 17 agosto promozione del pesce azzurro a Cattolica con la Sagra del Pescato

Il 13 agosto alle ore 18,00, in Piazza Roma – Chiesa del Purgatorio
Convegno sulla PROMOZIONE DEL PESCE AZZURRO
Dopo il convegno seguirà la degustazione del pescato di Sicilia nelle Piazze Roma e Umberto.
L’iniziativa di promozione e degustazione, promossa dall’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari della Regione Siciliana – Dipartimento degli Interventi per la Pesca, proseguirà nei giorni 16 e 17 agosto, dalle ore 21,00.

“Il pesce azzurro e’ l’ambasciatore della tradizione marinara siciliana: le attività di pesca, da secoli costituiscono uno dei settori principali della nostra economia, contribuendo allo sviluppo di peculiari modelli sociali; alcuni sono ancora attuali, soprattutto nei borghi marinari e nelle isole minori, altri sono divenuti parte integrante delle tradizioni locali. Il pesce azzurro non è solo una risorsa economica o un paradigma culturale: e’ un alimento fondamentale, della dieta mediterranea, sinonimo di equilibrio nutrizionale e buona salute”.

Giambattista Bufardeci – Assessore Regionale delle Risorse Agricole ed Alimentari

Il pesce azzurro, apprezzato in cucina per le qualità nutrizionali delle carni, sarà il protagonista dell’iniziativa promossa dall’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari della Regione Siciliana – Dipartimento degli Interventi per la Pesca, di tre serate rivolte alla sua promozione e valorizzazione, che vedranno chef esperti esaltarne il gusto e la bontà.

Ricette d’autore, dunque, per esaltarlo nelle sue specificità sensoriali, culinarie e nutritive.

Nel passato è stato ingiustamente sottovalutato dai consumatori che lo considerava di scadente qualità per l’abbondanza del pescato ed il basso prezzo.

Oggi vengono rivalutate le sue proprietà nutrizionali per la presenza nelle sue carni di grassi insaturi e di omega 3, particolarmente utili per la pressione arteriosa e l’attività cardio-vascolare , oltre che per la presenza di grande quantità di selenio, fosforo e iodio e per l’apporto vitaminico (E e B), e rappresenta certamente una grande risorsa economica, alimentare e gastronomica della Sicilia, da promuovere, tutelare e valorizzare anche come valore tradizionale e culturale di un’attività ittica che è stata ed è parte integrante dell’identità marinara siciliana.